Il collage surrealista di Alan Maglio oltre la fotografia | Rolling Stone Italia