Home Black Camera Talents

David Uzochukwu e la poetica del ritratto

Nonostante sia autodidatta, Uzochukwu ha già collaborato con artisti come FKA Twigs e Pharrell Williams. Nei suoi ritratti, scattati come una forma di terapia, i soggetti si confondono con la natura

Pluton, Lagos

Foto: David Uzochukwu

Artista visivo autodidatta, da quando aveva tredici anni si appassiona all’autoritratto, dove emerge la sua sfrontata vulnerabilità immersa in un’atmosfera surreale. Negli ultimi anni, ancora giovanissimo studente delle scuole superiori, ha collaborato con importanti aziende e artisti del calibro di FKA Twigs, Ibeyi, Benjamin Clementine, Pharrell e molti altri.

I soggetti ritratti da Uzochukwu si riflettono e si confondono con la natura circostante, creando delle immagini sospese nel tempo e nello spazio, in una dimensione quasi onirica. Ogni scena è avvolta in un’atmosfera estatica ma, allo stesso tempo, diretta nelle sue intenzioni, che esplodono con i colori e le texture degli elementi.

David Uzochukwu, Regrowth

Uzochukwu considera l’autoritratto come una forma di terapia; dice di sé: “scopro nuove sfaccettature di me stesso ogni volta che sperimento emozioni che non sapevo di avere nascoste dentro di me”.

Con la sua fotografia riesce a creare degli universi paralleli, delle stanze protette nelle quali vengono esplorati elementi delicati e sensibili come la psiche dell’uomo e il razzismo.

David Uzochukwu, Immortal

Un giovane prodigio che nel 2014, a soli sedici anni, ha vinto EyeEm Photography of the Year, premio di rilievo internazionale al festival di fotografia a Berlino, e che ora è tornato sui banchi di scuola alla facoltà di filosofia Humboldt di Berlino dopo un anno di totale immersione nella fotografia commerciale.
Uzochukwu è un esempio emblematico di come molti giovani artisti, attraverso i social, siano riusciti a costruirsi una una carriera da professionisti.

David Uzochukwu, Drowse

Info:
mail: studio@daviduzochukwu.com
Sito Web
Instagram