Viaggio nella storia dell’arte con le fotografie di Aurelio Amendola | Rolling Stone Italia

Home Black Camera Mostre Fotografia

Viaggio nella storia dell’arte con le fotografie di Aurelio Amendola

La Fondazione Pistoia Musei ospita la mostra Aurelio Amendola. Un’antologia. Michelangelo, Burri, Wahrol e gli altri, un grande omaggio ai sessant'anni di carriera del fotografo dell'arte

Roy Lichtenstein, New York 1977 © Aurelio Amendola

La città di Pistoia omaggia il fotografo celebre per essere “Il ritrattista di Michelangelo Buonarroti”. Nel corso della sua attività fotografica Aurelio Amendola, nato proprio a Pistoia nel 1938, ha dimostrato un forte interesse per la storia dell’arte, documentando l’opera di Jacopo della Quercia, Donatello, Canova, Bernini, Giovanni Pisano e molti altri.

Basilica San Pietro, Roma 1998 ©Aurelio Amendola

È stato il fotografo dell’Ermitage, degli Uffizi, dei Musei Vaticani e del Vittoriale degli Italiani, oltre ad altre collaborazioni con innumerevoli istituzioni museali nazionali e internazionali. Amendola è stato il primo fotografo a esporre nelle sale dello splendido museo di San Pietroburgo con una mostra, nel 2007, dedicata alle opere scultoree di Michelangelo.

Antonio Canova, Le tre grazie – 2008 ©Aurelio Amendola

L’arte contemporanea rappresenta l’altro grande amore di Amendola, che negli anni ha raccolto una vera e propria galleria di ritratti, fotografando i più celebri artisti del XX secolo come Burri, de Chirico, Wahrol, Manzù, Vedova, Fontana, Cerolli, Lichtenstein, Kounellis, Pomodoro, Schifano e molti altri. Aurelio Amendola, attraverso la fotografia, è stato capace di rielaborare le forme della nostra memoria, stabilendo continui punti di contatto tra passato e presente che generano significati inattesi e prospettive inedite.

Giuliano De Medici, Michelangelo – Cappelle Medicee 1992 ©Aurelio Amendola

La mostra, a cura di Paola Goretti e Marco Meneguzzo, sarà visitabile dall’8 febbraio al 25 luglio 2021 nelle due sedi di Palazzo Buontalenti e dell’Antico Palazzo dei Vescovi. Il percorso espositivo si articola in due grandi parti – Antico e Contemporaneo – con oltre duecento immagini  in riferimento ai rimandi figurativi nei quali l’autore si è espresso durante i suoi anni di attività. Si tratta della prima esposizione che raccoglie la quasi totalità della vasta produzione del fotografo.

WEB