Home Black Camera Mostre Fotografia

Un nuovo ‘Dialogo’ da Office Project Room: Fabrizio Bellomo e Peter Fend a confronto su un tema comune

Da Office Project Room a Milano l’arte come possibile soluzione in un mondo utopico dove l’errore viene sfruttato per creare opportunità e nuove visioni del mondo

Fabrizio Bellomo, Villaggio Cavatrulli, archetipo, 2010-19, Courtesy l’artista

Dialoghi, progetto di Office Project Room che mette in relazione opere di giovani artisti con autori affermati, si propone di stimolare riflessioni su diverse metodologie di lavoro e mettere in risalto influenze e similitudini tra gli artisti. Oggi, nello spazio di via Altaguardia a Milano, i progetti di Fabrizio Bellomo e Peter Fend dialogano su un territorio comune: l’arte come sperimentazione di nuove visioni del mondo.

Fabrizio Bellomo racconta, con l’utilizzo dei collage, un abitare diverso in una terra sfruttata dalla cavatura e dall’erosione dei materiali. La Puglia, una regione che si identifica in un paesaggio ottenuto per sottrazione, è il punto da cui Bellomo parte per una riflessione su un paese utopico ma allo stesso tempo realizzabile. “Villaggio Cavatrulli” è uno studio che parte dalla documentazione su paesaggi simili a quello pugliese, come Matera e la Sicilia, proponendo scenari alternativi in cui l’erosione non è considerata nella sua accezione negativa, ma è un punto di partenza per la considerazione di un nuovo ‘sguardo ambientale’. 

Fabrizio Bellomo, Capriccio Pugliese, collage, 2017, Courtesy l’artista

‘Il recupero di qualcosa che è destinato a scomparire è parte integrante della poetica dell’artista, quando pubblica testi, come regista di film, quando espone in galleria, nelle sue opere avviene spesso un capovolgimento di significato, da negativo a positivo, che fa nascere una riflessione capace di uscire dagli stretti confini disciplinari. L’arte come paradigma dell’evoluzione umana, l’opera come strumento per rispondere alle problematiche del mondo contemporaneo, sono tematiche che avvicinano la ricerca di Fabrizio Bellomo a quella condotta negli anni da Peter Fend.’

Luca Panaro

Nel lavoro in mostra ‘Sicilia 1’, Peter Fend ritaglia la Sicilia dividendola in quattro parti, in modo che il mare bagni equamente tutto il territorio. Un progetto utopico, un collage, che permette all’artista di immaginare e sperimentare possibili soluzioni ridistribuendo le risorse in tutta l’isola.

Veduta della mostra, Dialoghi, Fabrizio Bellomo – Peter Fend, Office Project Room, Milano, 2019, Courtesy gli artisti e Office Project Room

Due progetti e due artisti che parlano una lingua comune, quella del collage, verso un fine simile: la sperimentazione dei nuove visioni del mondo attraverso l’arte. Il 21 febbraio alle ore 19 verrà presentato il libro “Villaggio Cavatrulli” di Fabrizio Bellomo (Collana XXI. Guide d’artista, Centro Di, 2019) alla presenza dell’artista che interverrà insieme a Luca Panaro (critico d’arte e curatore) e Matteo Balduzzi (curatore del Museo di Fotografia Contemporanea MUFOCO). La mostra sarà aperta fino all’11 marzo.

Info:

indirizzo: via Altaguardia, 11, Milano

WEB

Mail: segreteria@officeprojectroom.com

INSTAGRAM