Home Black Camera Mostre Fotografia

Cinque mostre da visitare assolutamente (prima di un nuovo lockdown)

Tra le misure restrittive prese dal governo, per adesso gallerie d'arte e musei non sono colpiti. Abbiamo scelto una proposta di cinque mostre fotografiche da visitare, in altrettanti spazi espositivi in tutta Italia

Gran Bretagna, 1977 | © Gianni Berengo Gardin / Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

In un momento di grande incertezza, dove nuovi DPCM incombono sulle nostre vite quotidiane, gallerie e musei non sono ancora stati toccati dalle misure restrittive che hanno invece obbligato teatri, cinema ed eventi musicali a chiudere un’altra volta i battenti. Gli spazi espositivi rimangono aperti (almeno per adesso) e così gallerie d’arte, musei e palazzi storici possono diventare un’altrenativa più che valida per tutti coloro che non possono più guardarsi un bel film nelle sale cinematografiche o fare shopping spasmodico nei centri commerciali durante il weekend. Abbiamo scelto cinque mostre fotografiche da visitare in Italia, in un percorso ideale che parte dal sud e arriva fino al profondo nord della penisola.

1. Gianni Berengo Gardin, Vera Fotografia, Castello Aragonese di Otranto

Gran Bretagna, 1977 | © Gianni Berengo Gardin / Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

Reportage, immagini iconiche, sfumature e suggestioni dal passato recente. Fino al 20 novembre, nella splendida cornice della fortezza di Otranto, sarà possibile visitare la mostra di uno dei più grandi maestri della storia della fotografia italiana. Vera Fotografia, a cura di Alessandra Mauro, ripercorre la carriera del fotografo che forse più di tutti ha saputo raccontare il nostro tempo e il nostro paese in questi ultimi cinquant’anni. La mostra presenta una selezione di 85 tra le sue fotografie più famose.

WEB

2. Giovanni Gastel, The People I Like, MAXXI di Roma

Bebe Vio © Giovanni Gastel

Gli intensi ritratti dell’anima del maestro della fotografia Giovanni Gastel, realizzati in oltre quarant’anni di carriera, saranno esposti in una mostra al MAXXI fino al 22 novembre. Che si tratti di capi di stato, musicisti o designer tutti questi visi, a volte seducenti, a volte toccanti, i ritratti di Gastel hanno in comune un elemento: non sono mai scontati. Un’inedita, avvolgente galleria con oltre 200 ritratti. Un labirinto di volti, pose, sogni di personaggi del mondo della cultura, del design, dell’arte, della moda, della musica, dello spettacolo e della politica.

WEB

3. Essere Umane, Le grandi fotografe raccontano il mondo, Musei di San Domenico di Forlì

© Dorothea Lange, Migrant Mother, Nipomo, San Luis Obispo County, California, 1936, courtesy of Library of Congress Prints and Photographs Division Washington/Studio Trisorio

Una mostra tutta al femminile, dal 28 novembre al 20 febbraio 2021, curata da Walter Guadagnini, ideata e realizzata in collaborazione con Monica Fantini e Fabio Lazzari. Oltre 250 le fotografie in mostra: dalle leggendarie immagini di Lee Miller nella vasca da bagno di Hitler, fino alla iconica serie delle maschere di Inge Morath, realizzata con Saul Steinberg, passandeo per i volti dei contadini durante la Grande Depressione di Dorothea Lange.

WEB

4. Jacques-Henri Lartigue, L’invenzione della felicità, Casa dei Tre Oci di Venezia

Jacques Henri Lartigue, Anna la Pradvina, aussi appelée “La femme aux renards”, Avenue du Bois, Paris, 1911 © Ministère de la Culture (France), MAP-AAJHL

La mostra del fotografo parigino, a cura di Denis Curti, presenta 120 immagini (di cui 55 inedite) che celebrano la felicità. Un percorso narrativo, costruito all’interno del bellissimo palazzo storico nel cuore della Giudecca, che ripercorre l’intera carriera di Lartigue, dagli inizi nei primi anni del Novecento fino agli anni Ottanta del secolo scorso, riscoprendo alcuni lati nascosti di questo grande maestro dell’immagine.

WEB

5. Margaret Bourke-White, Prima, Donna, Palazzo Reale di Milano

1937 Louisville, Kentucky. Margaret Bourke-White. There’s no way like the American Way

Milano celebra una tra le figure più rappresentative ed emblematiche del fotogiornalismo, attraverso una selezione inedita delle immagini più iconiche realizzate nel corso della sua lunga carriera. Prima, Donna, in mostra fino al 14 febbraio 2021, presenta oltre 100 immagini, provenienti dall’archivio LIFE di New York e divise in 11 gruppi tematici che, in un percorso cronologico, rintracciano il filo del percorso esistenziale di Margaret Bourke-White e mettono in evidenza la sua capacità visionaria e narrativa, in grado di scrivere storie fotografiche dense e folgoranti.

WEB