Home Black Camera Autori

L’universo psichedelico dei video di Pipilotti Rist

Con manipolazioni digitali delle immagini e installazioni di universi surreali, la videoartista svizzera indaga la soggettività del nostro sguardo, accedendo a nuove visioni e punti di vista fisicamente irraggiungibili

Pipilotti Rist, Ever Is Over All, 1997, video installation (video still)

© Pipilotti Rist, Courtesy the artist, Hauser & Wirth and Luhring Augustine

“Art’s task is to contribute to evolution, to encourage the mind, to guarantee a detached view of social changes, to conjure up positive energies, to create sensuousness, to reconcile reason and instinct, to research possibilities, and to destroy clichés and prejudices.”

Pipilotti Rist è una videoartista svizzera. Attraverso grandi proiezioni e manipolazioni digitali delle immagini crea delle installazioni immersive di universi psichedelici, sensuali e ironici, indagando sia l’inconscio umano che quello tecnologico. Il tutto visto dal suo filtro coloratissimo.

Pipilotti Rist, Ever is Over All, 1997, two-channel video installation with sound. Installation view, Sydney, Museum of Contemporary Art, ‘Pipilotti Rist – Slip My Ocean’, Australia, 2018. Photo: Jessuca Maurer @ Pipilotti Rist Courtesy the artist, Hauser & Wirth and Luhring Augustine

I video dell’artista hanno una qualità molto grezza, e vengono trattati come fossero dei dipinti intrappolati dietro a un vetro. Il suo desiderio è quello di liberare l’immagine, di riportarla nel suo luogo originale, che sia nel nostro corpo o liberandola nello spazio. L’immagine supera la forma-schermo e viene lasciata vivere nello spazio in ogni direzione, lasciando la possibilità allo spettatore di accedere all’opera da qualsiasi prospettiva, senza che ci sia un chiaro inizio o fine.

Pipilotti Rist, Mercy Garden, 2013. Installation view, Kunsthalle Krems, ‘Pipilotti Rist. Komm Schatz, wir stellen die Medien um & fangen nochmals von vorne an’, Austria 2015. Photo: Lisa Rasti © Pipilotti Rist Courtesy the artist, Hauser & Wirth and Luhring Augustine

L’uso della camera da parte dell’artista non è quello di un mero registratore o imitatore della realtà, ma piuttosto è il tramite per accedere a nuove visioni e punti di vista non raggiungibili fisicamente dal corpo umano. In questo modo Rist ci mostra come le dimensioni siano completamente soggettive, in base all’occhio che le percepisce. Attraverso la camera cerca di ribaltare la gerarchia classica tra l’oggetto e il soggetto.

Pipilotti Rist, Installation view, Kunsthaus Zürich, ‘Pipilotti Rist: Dein Speichel ist mein Taucheranzug im Ozean des Schmerzes (Pipilotti Rist: Your Salive is my Diving Suit in the Ocean of Pain), Zurich, Switzerland. Photo: Lena Huber © Pipilotti Rist Courtesy of the artist, Hauser & Wirth and Luhring Augustine

Le mostre di Pipilotti Rist sono un momento pubblico, nei quali generazioni diverse vivono un momento collettivo dove gli è richiesto di andare oltre, di uscire dal proprio corpo, rimanendo consapevoli con lo sguardo.

Info:

Contact:
Julia Wunderlich
juliaw@hauserwirth.com
Hauser & WirthLimmatstrasse 270
+41 44 446 80 50

Sito Web
Instagram

Altre notizie su:  Pipilotti Rist