Home Arcade News

Rainbow Six: Siege ha 55 milioni di utenti registrati

Lo sparatutto tattico ha generato ricavi per più di un miliardo di dollari rivelandosi uno dei titoli di maggior successo dell’anno per Ubisoft

Rainbow Six Siege ha cambiato team di sviluppo alla fine del 2019: a seguirlo è ora un nuovo gruppo, capitanato da Leroy Athanasshoff.

Nonostante l’anno fiscale che sta per concludersi non sia stato per Ubisoft uno dei migliori, la compagnia francese ha annunciato nell’ultimo report finanziario che il suo sparatutto tattico, Rainbow Six: Siege ha raggiunto a dicembre del 2019 la cifra di 55 milioni di utenti registrati. Il gioco è stato lanciato alla fine del 2015 senza grandissimi clamori, ma da allora ha continuato a crescere in maniera costante generando un volume di vendite pari a circa 1,1 miliardi di dollari all’epoca dell’ultimo aggiornamento dei dati nel maggio dello scorso anno. La maggior parte degli utenti del gioco provengono da PC e Steam, dove si registra una media di circa centomila giocatori attivi al giorno.

Oltre a Rainbow Six: Siege, tra gli altri titoli per il quale Ubisoft parla di «eccellenti performance», troviamo Assassin’s Creed Odyssey, The Crew 2, Just Dance 2020 e la produzione italiana Mario + Rabbids: Kingdom Battle. Questi buoni risultati sono riusciti in qualche modo a compensare i flop di The Division 2 e Ghost Recon Breakpoint, che hanno spinto il publisher a rinviare molti dei suoi titoli dopo marzo registrando così un calo degli introiti del 26% rispetto allo scorso anno. Allo stesso tempo Ubisoft ha anche deciso di dare una svecchiata all’assetto del suo team editoriale, rimasto immutato per anni. Una decisione che dovrebbe favorire la varietà e un approccio meno standardizzato allo sviluppo dei suoi titoli futuri.

Leggi anche