Home Arcade News

Nintendo potrebbe portare alcuni titoli 3DS su Switch

Si parla sia dei presunti titoli cancellati in sviluppo per la vecchia console portatile, così come dei possibili remake di quelli più di successo

Tra i remake già annunciati c’è quello di Xenoblade Chronicles, originariamente uscito su Wii e poi portato su New Nintendo 3DS.

Nintendo Switch ha già un’ottima libreria che, oltre agli inediti, guarda al passato proponendo, per esempio, il meglio dei giochi usciti sulla sfortunata Wii U o numerosi porting di terze parti, oppure ancora degli ottimi remake come Pokémon Let’s Go e Link’s Awakening. Ora pare che Nintendo punti anche a rispolverare qualche gemma del vasto catalogo 3DS.

Stando alle parole del presidente della compagnia Shuntaro Furukawa “con il lancio di Nintendo Switch Lite, c’è sicuramente la possibilità di recuperare quei titoli che sono stati sviluppati in passato per le console portatili”. Tuttavia, ha precisato, l’obbiettivo principale dell’azienda rimane sempre quello di creare esperienze e giochi nuovi, piuttosto che guardare indietro e questo è sicuramente apprezzabile. Se si guarda per esempio al recente remake di The Legend of Zelda: Link’s Awakening, secondo Furukawa l’importante anche in questo caso era offrire qualcosa di nuovo e non puntare solo all’effetto nostalgia.

C’è inoltre un’altra questione e riguarderebbe dei presunti giochi cancellati per Nintendo 3DS, così come riportato dell’ex-editor della rivista Game Informer, Imran Khan. Tra questi figurerebbe anche un ipotetico remake del primo Fire Emblem. La decisione di abbandonare tali progetti sarebbe stata dettata da una parte dalla volontà di aumentare le risorse da impiegare su Switch Lite, dall’altra dai risultati non proprio esaltanti dell’ultimo titolo della serie Mario & Luigi (Mario & Luigi: Superstar Saga + Scagnozzi di Bowser), che avrebbe segnato con la sua uscita il tramonto definitivo del 3DS.

Il remake del primo Fire Emblem dovrebbe essere solo uno di diversi progetti in sviluppo per Nintendo 3DS ora cancellati.

Leggi anche