Home Arcade News

Nintendo ci vuole belli svegli: ecco come

Torna Brain Training: il famoso gioco per allenare la mente che spopolò su Nintendo DS è pronto a conquistare anche Switch in una nuova versione riveduta e aggiornata

Niente paura: l’immagine fa riferimento alla versione giapponese e non si tratta di un nuovo, sadico esercizio a base di ideogrammi.

Nintendo ha annunciato il ritorno di Brain Training e del Dr. Kawashima, che dai tempi del Nintendo DS si preoccupa di tenere giovani e allenati i nostri pigri cervelli cercando di convincerci di quanto sia divertente e utile tornare a fare i calcoli a mente o ripetere le parole al contrario; anche se poi non la prendiamo con la stessa nonchalance di Nicole Kidman quando il software ci rivela che il nostro cervello è rapido e pimpante come quello di un ottuagenario.
Il nuovo gioco sembra in tutto e per tutto una visione rivista e ampliata del primissimo Brain Training per Nintendo DS, ma con alcune nuove funzioni che permettono di utilizzare la telecamera a infrarossi presente sui Joy-Con della console in vari giochi, come per esempio nella morra cinese. Anche Switch andrà tenuta in verticale, e la versione retail del software includerà un pennino per scrivere sul touch screen.
Come sempre, il Dottore ci proporrà un simpatico test iniziale per dimostrarci quanto stiamo invecchiando male e quanto sarà prezioso il suo aiuto per frenare il temutissimo declino. Tra le novità invece troveremo una modalità “multitasking”, che ci metterà alle prese con ben due esercizi contemporaneamente, e una componente multiplayer per condividere i fallimenti con i nostri amici o con altri illustri sconosciuti in giro per il mondo.
Dr. Kawashima’s Nintendo Switch Brain Training al momento è stato annunciato solo per il territorio giapponese, dove arriverà il 27 dicembre. Insomma, dopo Ring Fit Adventure, diretto erede di Wii Fit, torna un altro dei successi “casual” di Nintendo, a riprova del fatto che la grande N ha tutta l’intenzione di tornare a conquistare con Switch anche il suo pubblico più sfuggente.

Leggi anche