Hideo Kojima fa i numeri da circo al Comi-Con | Rolling Stone Italia

Home Arcade News

Hideo Kojima fa i numeri da circo al Comi-Con

Fa vedere in anteprima la copertina di Death Stranding, lancia frecciatine a Fornite e viene fermato all’aeroporto di San Diego per contrabbando di Bridge Baby

È una copertina piuttosto inusuale e senza dubbio adatta al gioco che rappresenta, quella di Death Stranding.

Da bravo appassionato di cultura pop, Hideo Kojima in questi giorni di sta godendo il Comi-Con di San Diego, ma è stato ovviamente invitato per parlare del suo Death Stranding e lui l’ha fatto come al solito a modo suo, cioè tirando in mezzo molto cinema e dicendo di voler cambiare il mondo. Ma in fondo lo si ama anche per questo.
Tra una chiacchiera e l’altra ha anche rivelato le copertine del gioco sia per la versione standard, sia per la steelbok in edizione limitata. Entrambe presentano un primissimo piano del protagonista del gioco Sam Bridges interpretato da Norman Reedus e dice di averle create lui stesso – e si vede, aggiungeremmo noi, perché sembrano chiaramente le locandine di un film.
Sempre nel corso dello stesso incontro ha anche raccontato alcuni divertenti aneddoti. Il primo riguarda nientemeno che Keanu Reeves, che a quanto pare era gli era stato proposto per interpretare il ruolo di Cliff, poi affidato a Mads Mikkelsen perché era da tempo che Kojima pensava di lavorare con lui. Questo fatto sembrerebbe però confermare la voce che Reeves tenesse particolarmente ad apparire in un videogioco, come poi sarà con Cyberpunk 2077.
Tornando al nostro Hideo, quando gli è stata fatta la domanda di rito su cosa lo spinga a creare delle opere tanto particolari, lui ha risposto serafico che il suo scopo come autore è quello di portare qualcosa di nuovo e che sia fonte di nuova ispirazione per il mondo. E qui ha colto anche l’occasione per lanciare una frecciatina contro il genere dei battle royale capitanato dal popolare Fortnite: “Quando ho dato vita alla mia nuova compagnia, ho iniziato da zero ed ero solo – racconta – per questo il gioco è basato sul modo in cui ci si connette [l’un l’altro].” Ha poi aggiunto: “Il modo più semplice per fare soldi oggi è sviluppare un gioco dove tutti sono su un’isola e si sparano tra loro. Io non voglio fare questo [genere di cose].” 

In chiusura ha raccontato di essere stato fermato ai controlli doganali dell’aeroporto perché aveva in valigia una replica del Bridge Baby, presente nel gioco, che ha lasciato piuttosto perplessi gli addetti della sicurezza, preoccupati per cosa stesse cercando di importare in America. Per chi non lo sapesse, il BB è un feto umano racchiuso in una capsula ricolma di un liquido giallastro. Possiamo solo immaginare la faccia dei presenti.

Anche la versione speciale con steelbook ritrae Sam in stile poster cinematografico.