Home Arcade News

Destiny 2 diventa free to play

Il gioco cambierà il proprio modello economico in concomitanza con l'uscita della nuova espansione

Finora sono uscite tre espansioni per il gioco: La maledizione di Osiride, La mente bellica e i Rinnegati.

Era nell’aria da un po’: Destiny 2 diventerà free to play, ossia sarà disponibile gratuitamente nella sua forma base, mentre le espansioni rimarranno a pagamento. La modifica avverrà il 17 settembre, lo stesso giorno in cui uscirà l’ultima espansione standalone del gioco intitolata “Ombre dal Profondo”. La missione che i Guardiani dovranno affrontare in questo episodio li vedrà tornare sulla luna per diventare “cacciatori di incubi” di una misteriosa cittadella nemica.

Dopo un lancio decisamente esaltante, Destiny 2 si è avviato inesorabilmente verso un repentino declino e a nulla sono valsi gli sforzi di Bungie per riportarlo sulla cresta dell’onda, come ad esempio rendere il gioco gratuito per il servizio di Sony PlayStation Plus e altre iniziative simili. Per quanto riguarda il modello di guadagno dei giochi free to play, questo solitamente dipende da una serie di acquisti in game di beni virtuali da utilizzare nel gioco per ottenere miglioramenti sia cosmetici sia legati al gameplay, a seconda delle scelte degli sviluppatori. Non è chiaro se Bungie introdurrà questo genere di microtransazioni, quel che è certo è che tutti i contenuti usciti durante il primo anno di vita del gioco diventeranno gratuitim mentre le espansioni successive e future saranno a pagamento. In occasione dell’aggiornamento, il nome diventerà Destiny 2: New Light e sarà implementato il cross-save inizialmente tra Xbox One e PC, mentre si attendono notizie per PlayStation 4 e Google Stadia. I giocatori saranno così liberi di esportare il proprio salvataggio su altre piattaforme e di riprendere il gioco con il proprio personaggio da dove lo avevano lasciato. Questa modifica, in particolare, era un cambiamento al quale Bungie aspirava da molto, ma solo la separazione con Activision lo scorso gennaio ha finalmente permesso alo studio di percorrere la strada che desiderava.

Leggi anche