Home Arcade News

Blair Witch sarà l’horror che non ti aspetti

Avrà delle fasi di combattimento e anche dei loop temporali che incasineranno ancora di più le cose

Blair Witch esce il 30 agosto per PC e Xbox One e sarà disponibile al lancio sul servizio Game Pass.

Chi conosce un po’ la storia di Bloober Team sa che lo studio polacco è famoso per i suoi titoli ricchi di atmosfera ma poveri di azione, come nel caso dei due Layers of Fear. Date le tematiche horror, chiamarli “walking simulator” però forse è ingeneroso; sarebbe infatti meglio dire che lo stile è vicino a quello di Outlast, con fughe a perdifiato e jumpscare come se piovesse. Tuttavia, nel caso del prossimo Blair Witch – ispirato all’omonimo mockumentary di culto, anche se con una storia diversa, e presentato nel corso dell’E3 di quest’anno – lo studio ha rivelato che ci saranno anche delle fasi di combattimento nel gioco.
In un’intervista la scrittrice del gioco, Barbara Kciuk, ha spiegato che la possibilità di difendersi oltre che a scappare non cambierà drasticamente l’esperienza alla quale Bloober Team ci ha abituato con i suoi titoli, perché il primo scopo degli sviluppatori rimane sempre quello di far sentire il giocatore vulnerabile. Le nuove meccaniche degli scontri sono quindi pensate per diversificare in primo luogo il gameplay, lasciando però al giocatore quella sgradevole sensazione di essere una “preda” piuttosto che un “cacciatore”.

Kciuk ha anche parlato dei loop temporali che ci saranno nella storia e che serviranno, in buona sostanza, a renderci ancora più incasinati: “Viaggiare nel tempo e sfuggire alle conseguenze dei propri errori cancellandoli completamente è una visione particolarmente stuzzicante. E questo è esattamente quello che cerca l’autore di una storia inquietante: un concetto allettante che si può rovesciare in maniera orribile.  Volevi liberarti di alcuni piccoli sbagli del passato? Ops! Invece hai peggiorato le cose. E adesso devi vivere con il peso delle cose orribile che hai fatto e non solo”. Aggiunge poi: “Come il trailer suggerisce, Blair Witch avrà dei loop temporali […] ma non saranno lì per migliorare la situazione nel finale. Blair Witch ne fa uso per ragioni molto più sinistre”.
Bloober team, che al momento è al lavoro anche su un altro progetto non ancora annunciato, negli ultimi anni ha quasi raddoppiato il proprio organico arrivando a impiegare un centinaio di persone. Grazie alla nuova forza lavoro, lo studio vuole continuare a sperimentare e aprirsi a nuove possibilità in futuro: “Magari anche un’esperienza in multiplayer – dice Kciuk – Chissà”.

 

Leggi anche