Home Arcade News

Apex Legends: inversione di tendenza per il fenomeno di EA

Le vendite del gioco dei record sono scese a picco nell’ultimo periodo, ma è troppo presto per parlare di crisi

Il gioco ha superato l’impressionante numero di dieci milioni di utenti a sole 72 due ore dal lancio lo scorso febbraio.

Era un’evoluzione prevedibile, ma i guadagni di Apex Legends stanno inevitabilmente scendendo: negli ultimi due mesi le vendite del gioco sono calate de 74% passando dai 92 milioni di dollari dello scorso aprile a 24 milioni, secondo i dati riportati da SuperData. Dopo un lancio da record, che lo ha visto raggiungere i 50 milioni di utenti attivi in poco più di un mese, era abbastanza inevitabile che si verificasse un’inversione di tendenza. Senza contare che i numeri attuali rappresentano ancora un dato più che soddisfacente per il publisher del gioco Electronic Arts.

È chiaro che il fattore sorpresa all’epoca del lancio abbia giocato un ruolo importante, soprattutto se si pensa che Apex Legends non è stato supportato da una campagna di marketing particolarmente aggressiva. Se il calo dell’interesse nei confronti del gioco ci sembra consistente, è solo perché i risultati iniziali erano completamente fuori scala. Non è un caso, infatti, che i primi segnali dell’emorragia di pubblico fossero visibili già un mese fa quando, passata l’euforia della novità, il gioco ha cominciato a perdere spettatori su Twitch (dove aveva allo stesso modo frantumato diversi i record). Alcuni utenti tuttavia incolpano anche la mancanza di aggiornamenti sostanziosi da parte dello sviluppatore Respawn Entertainment, soprattutto se confrontati con quelli dei diretti competitor come Fortnite. I dettagli della stagione 2 del gioco, lo ricordiamo, sono attesi per metà giugno durante l’EA Play, che si terrà in concomitanza con l’E3.

Electronic Arts sta inoltre lavorando a una versione mobile per Apex Legends, oltre a una pensata per il mercato cinese, due mosse che potrebbero ampliarne notevolmente la platea di utenti. Respawn ha inoltre rassicurato i fan più volte sull’intenzione di non voler abbandonare il gioco, nonostante sia contemporaneamente al lavoro su Star Wars Jedi: Fallen Order. Per il momento, la partita per il dominio del mercato dei battle royale è ancora aperta.

Leggi anche