Home Arcade Focus On

I pronostici delle italiane in Champions, calcolati da Fifa 20

FIFA 20 è in grado di predire il futuro? Per scoprirlo, lo abbiamo messo alla prova con la seconda giornata di Champions League

La Champions League sta entrando nel vivo e già dalla seconda giornata si inizierà a delineare la situazione nei vari gironi.

La prima giornata della Champions League 2019/2020, almeno per quanto riguarda le squadre italiane, è stato un vero e proprio giro sulle montagne russe. Il picco più elevato è sicuramente rappresentato dall’eccellente prestazione del Napoli, protagonista di una prestigiosa (e meritata) vittoria contro il Liverpool di Jürgen Klopp. Discesa a picco invece per l’Atalanta, che ha con tutta probabilità patito troppo l’emozione per il debutto nel massimo palcoscenico europeo. La squadra di Gasperini è parsa intimorita, contratta e priva delle idee di gioco che la caratterizzano. Il risultato finale, un secco quattro a zero, non ho lasciato spazio ad alcun tipo di discussione. Infine i due pareggi di Inter e Juventus, diversi per il peso specifico delle avversarie. Se per i bianconeri, pur considerando il doppio vantaggio, si può parlare ancora di un risultato positivo, per i nerazzurri si è trattato di una mezza sconfitta. Cosa succederà ora? Per scoprirlo, abbiamo simulato la seconda giornata dei gironi con FIFA 20. Parte la musica della Champions, le squadre scendono in campo. Vediamo quante ne indovineremo. O, meglio, quante ne indovinerà EA Sports.

Atalanta – Shakhtar Donetsk

L’Atalanta cerca il riscatto contro una squadra ostica, che ormai da qualche anno è diventata una presenza fissa nei gironi di Champions League. I bergamaschi partono contratti, e la prima porzione di gara è nettamente appannaggio degli ucraini. Taison, Marlos, Junior Moraes scattano, si smarcano, dribblano e si inseriscono come delle furie, causando non pochi problemi alla retroguardia nerazzurra. Sotto di un gol (Junior Moraes al ventottesimo) e con Gollini artefice di un paio di interventi al limite del prodigioso, gli uomini di Gasperini si risvegliano dal torpore e rischiano di raggiungere il pareggio negli ultimi istanti della prima frazione. Il tiro di poco a lato di Zapata suona la carica per un secondo tempo giocato all’arrembaggio. Più decisione, più gioco, più occasioni. L’Atalanta torna a essere in formato campionato e giunge al meritato pareggio con una perfetta punizione di Ilicic. Quando il risultato sembra ormai definitivo, la beffa. È Taison nel finale a sferrare quello che può essere tranquillamente definito il colpo del KO.

Risultato 1 – 2 (Junior Moraes, Ilicic, Taison)

Una partita dai due volti per Zapata & soci. La sconfitta virtuale è immeritata, speriamo in qualcosa di meglio nella realtà.

Juventus – Bayer Leverkusen

La Juventus/Piemonte Calcio scende in campo con un solo risultato in mente: la vittoria. La squadra di Sarri parte forte, schiaccia sul pedale dell’acceleratore e mette subito in chiaro le cose. Il Bayer Leverkusen subisce l’onda d’urto bianconera e capitola già al dodicesimo minuto. Angolo di Pjanic, colpo di testa di De Ligt e palla in fondo al sacco. Il raddoppio è solo questione di tempo. Preciso inserimento di Ramsey premiato da un assist (ancora una volta) di Pjanic, e al trentaduesimo la partita sembra ormai indirizzata. La ripresa non fa altro che confermare una supremazia chiara e netta. Un lampo del gioiellino Havertz si stampa sul palo, poi è CR7 a chiudere (se ce ne fosse ulteriore bisogno) i giochi. Quindici minuti di relax, e per la Juventus è il momento di pensare al derby d’Italia di domenica sera.

Risultato 3 – 0 (De Ligt, Ramsey, Ronaldo)

Siamo sicuri che i tifosi juventini si augurino una serata che ricalchi fedelmente la nostra partita. Spettacolare, tranquilla e soprattutto vincente.

Barcellona – Inter

Ti aspetti il tridente delle meraviglie. Temi il tridente delle meraviglie. E invece il protagonista è un altro. Il vero mattatore dell’incontro tra Barcellona e Inter, almeno per quanto riguarda FIFA 20, è l’olandese De Jong. Il giovane centrocampista proveniente dall’Ajax è artefice di una partita mostruosa sia in fase difensiva che offensiva. Agisce a tutto campo, recupera palloni, li smista, si inserisce e conclude a rete. Segna la rete che porta i blaugrana in vantaggio e, solo per un pizzico di sfortuna (palo sul finale) e per uno degli immancabili miracoli di San Handanovic, non riesce a realizzare una prestigiosa doppietta. A mettere in ghiaccio il risultato ci pensa il solito duo Messi-Suarez. Evanescente e poco servito invece Griezmann. Male Lukaku, l’unica soddisfazione per i nerazzurri arriva da un perfetto inserimento di Sensi quando ormai è davvero troppo tardi per sperare in una miracolosa rimonta.

Risultato 3 – 1 (De Jong, Messi, Suarez, Sensi)

L’Inter di FIFA 20 non è riuscita a mettere in campo la grinta della versione made in Conte.

Genk – Napoli

La premessa è d’obbligo. Vista la rinomata scaramanzia partenopea, è prevedibile che questo paragrafo sarà letto brandendo cornetti, amuleti e facendo scongiuri vari. Lo capiamo ma, da quanto abbiamo visto, c’è davvero poco di cui preoccuparsi. FIFA 20 ha confermato la netta superiorità del Napoli su Genk, con una partita che è rimasta in bilico per pochi minuti. Sei, per la precisione. Giusto il tempo per spezzare la situazione di parità e portarsi in vantaggio con una conclusione di Insigne lanciato da Callejon. La risposta della squadra belga è quasi nulla. Samatta si affaccia in area di rigore al ventesimo, ma non riesce a inquadrare (neanche lontanamente) lo specchio della porta. Il raddoppio di Manolas da calcio d’angolo allo scadere del primo tempo è una vera e propria sentenza. I secondi quarantacinque minuti sono superflui. Il Napoli controlla senza correre alcun rischio, il Genk abbozza qualche tentativo offensivo con poca, pochissima convinzione. Uno sbadiglio dopo l’altro, con qualche guizzo che non modifica però il risultato finale.

Risultato 0 – 2 (Insigne, Manolas)

La precisa conclusione a rete di Insigne indirizza la partita verso nella giusta direzione. Vittoria e punteggio pieno nel girone.

 

 

 

Leggi anche