Home Arcade Focus On

I 10 giochi di simulazione più fuori di testa

Dieci esperienze a dir poco stravaganti, che dimostrano come nei videogiochi si possa simulare davvero di tutto

Riuscire a comprendere cosa passa nella testa degli sviluppatori di alcuni giochi è un’impresa al limite dello scibile umano (nella foto Priest Simulator, in uscita nel 2019).

Allenare una squadra di calcio? Troppo banale. Governare una città, o addirittura una nazione? Un’idea dozzinale. Gestire un’azienda? Tutto prevedibile. Siamo stanchi di vivere sempre le stesse esperienze, che ci mettono di fronte a situazioni trite e ritrite. A scenari già visti e sperimentati in ogni variabile possibile e immaginabile. Vogliamo qualcosa di diverso. Di strano. Magari anche di assurdo. Vogliamo vedere fin dove arriva la fantasia (o, per essere più precisi, in alcuni casi la follia) degli sviluppatori. Vogliamo una top ten insolita, dedicata alle più insensate simulazioni disponibili sul mercato. La vogliamo, e l’abbiamo scritta…

10. World Of Subways 3

Accelerate. Frenate. Fermatevi. Ripartite. Ripetete le azioni appena elencate per un totale di trentacinque (avete capito bene, trentacinque) volte. Così facendo avete completato un giro della Circle Line, una delle principali linee della metropolitana londinese. Alla guida di un convoglio di World Of Subways non ci sono grandi motivi per emozionarsi, con una routine che si ripete in maniera costante senza particolari sussulti. Nessun incidente, nessun problema tecnico. Solo treni che viaggiano (più o meno) in orario e stazioni da visitare. L’entusiasmo (quale entusiasmo?) si esaurisce nel corso di poche fermate, lasciando spazio alle tipiche sensazioni che provano i pendolari nell’ora di punta. Mind The Gap.

Con qualche variazione sul tema e più linee metropolitane World Of Subways 3 avrebbe avuto del potenziale.

9. Farming Simulator 19

Le giornate di un agricoltore sono dure. E ripetitive. La sveglia suona presto alla mattina. I terreni da seminare, dissodare e irrigare sono giganteschi. Il raccolto richiede tempo e pazienza. Ogni cosa si svolge all’insegna della fatica, e della lentezza. Questo nella realtà… e anche in Farming Simulator 19. Il titolo di Giants Software non fa nessuna concessione al divertimento, puntando tutto su una riproduzione fedele la vita nel campi. Un’esperienza dal ritmo compassato, adatta a pochi. Perché solo i più coraggiosi avranno l’ardire di trascorrere il proprio tempo libero a sfrecciare alla folle velocità di 20 Km/h (proprio 20, non ci siamo dimenticati uno zero) a bordo di una fiammante mietitrebbia rosso. Altro che Ferrari.

La caratteristica peculiare della saga di Farming Simulator è quella di “costringere” il giocatore a occuparsi anche fisicamente di tutte le fasi, dalla semina alla raccolta.

8. Surgeon Simulator Anniversary Edition

La sala operatoria è sterilizzata. Il paziente è sedato. Noi siamo pronti ad agire. Davvero? Siamo pronti? Forse no. Ma poco importa. Surgeon Simulator è infatti un simulatore di interventi chirurgici che non si prende sul serio, e che ci mette di fronte a situazioni tanto improbabili (qualcuno ha ordinato un trapianto di cervello?) da sembrare surreali. Il rischio di trovarsi in una sorta di mattatoio, circondati da strumenti macchiati di sangue è alto, così come è alta la soddisfazione che si prova nel riuscire a completare in maniera positiva un’operazione. Non è facile, soprattutto a causa di un sistema di controllo che sembra essere studiato apposta per complicare anche le azioni all’apparenza più banali.

In Surgeon Simulator il confine tra chirurgo e macellaio è labile. Molto labile.

7. Bear Simulator

Vivere all’aria aperta, a contatto con la natura, può essere estremamente divertente e gratificante. Soprattutto con cinquecento chili di potenza, velocità e simpatia ad accompagnarci. Bear Simulator permette di sperimentare la vita di un orso in diverse ambientazioni tra boschi, lagune, montagne e grotte. Utilizzando come punto di partenza la sua tana, il gigantesco plantigrado può dedicarsi a una pacifica e tranquilla esplorazione in cerca di piante e bacche da mangiare, oppure può optare per la caccia (più o meno) grossa. La presenza di oggetti collezionabili (vogliamo un cestino del pic nic per mandare su tutte le furie il ranger Smith) aggiunge un che di surreale a un titolo per il resto piuttosto lineare.

Un orso che osserva con attenzione un cartello che segnala la presenza di un big foot. Tutto normale in Bear Simulator.

6. House Flipper

Comprare una casa fatiscente. Riportarla all’antico splendore. Venderla per un profitto. Un’operazione facile per chi dispone dei soldi e della mano d’opera necessaria. Meno semplice per chi è costretto a fare tutto da solo, come il protagonista di House Flipper. Cassetta degli attrezzi in mano, il nostro eroico tuttofare deve abbattere pareti, mettere a norma gli impianti elettrici e arredare ogni locale tenendo sempre d’occhio il budget a disposizione. Una ristrutturazione completa, in tutta la sua lentezza e con tutti gli inconvenienti del caso. Considerando che a casa nostra facciamo fatica a cambiare una lampadina, è difficile comprendere quali siano le motivazioni che possono spingere un essere umano a lanciarsi in un’impresa del genere.

L’unico momento di vera e grande soddisfazione durante una ristrutturazione. Un martello, una parete e via con l’azione.

5. Viscera Cleanup Detail

Lo scenario lo conosciamo tutti benissimo. Uno scontro tra umani e alieni. Il martellante suono di armi da fuoco automatiche. Le esplosioni delle granate. I cadaveri abbandonati ovunque. Sangue su pareti, pavimenti e mobili. Tutto questo ci attende nel mondo di Viscera Cleanup Detail. Con una piccola, e piuttosto rilevante, differenza. Questa volta non entriamo in azione durante il combattimento, ma quando tutto è già finito. Quando c’è da mettere a posto. Armati di guanti, scopettone e cestino dobbiamo cercare di ripulire al meglio il casino che ci circonda, riportando il tutto al suo antico splendore. Non è un’impresa semplice, ma qualcuno deve pure provarci.

Dopo aver giocato a Viscera Cleanup Detail guarderete in maniera diversa ciò che resta in un campo di battaglia.

4. PC Building Simulator

Abbiamo trascorso mesi a cercare i componenti migliori. Letto ogni articolo, parola per parola, sui siti specializzati. Studiato nei dettagli ogni caratteristica tecnica. Ora finalmente abbiamo il PC dei nostri sogni. E lo possiamo utilizzare per giocare a un simulatore che permette di costruire… il PC dei propri sogni! Oltre a una modalità “libera”, perfetta per sbizzarrirsi senza alcuna limitazione tra schede audio, video, e periferiche varie, è presente anche una vera e propria campagna single player in cui vestire i panni di un tecnico informatico alle prese con i problemi di utenti (e di utonti) vari. Piacevole per gli appassionati, con una interessante componente didattica per chi vuole imparare le basi dell’assemblaggio di un computer.

Potente e appariscente. Capace di far girare qualunque software, e pieno di lucine colorate. Ecco un PC perfetto.

3. Toilet Tycoon

Costruire un impero sui “bisogni” delle persone è possibile, come dimostra Toilet Tycoon. Ma non è semplice. Per riuscire a conquistare il successo nel mondo dei bagni pubblici non si deve avere la puzza sotto il naso, e nemmeno paura di sporcarsi le mani, sia in maniera letterale che figurata. Si agisce nella legalità senza disdegnare qualche colpo basso, muovendosi tra nuovi sanitari forniti di tutti i confort, manutenzioni giornaliere, visite dell’ufficio d’igiene e tentativi di sabotaggio. Il tutto prestando particolare attenzione al budget. Perché senza un’attenta pianificazione i problemi (e non solo quelli) rischiano di venire a galla.

Gestire i gabinetti pubblici di una città non è il massimo della vita. Però è un modo come un altro per diventare ricchi, almeno in maniera virtuale.

2. Robot Vacuum Simulator

I robot aspirapolvere sono divertenti da guardare. Svolgono (moderatamente bene) il proprio compito quando non si incastrano in angoli improbabili, si bloccano su tappeti o vengono ribaltati dall’attacco di animali domestici. Puliscono, ma hanno un grande limite. Sono lenti. Molto lenti. La stessa (inesistente) velocità è stata trasferita in Robot Vacuum Simulator, titolo che permette di trasformarsi in uno di questi apparecchi. Un’esperienza esasperante per la mancanza di ritmo, resa ancora meno entusiasmante dalla pochezza dell’arredamento dell’appartamento virtuale in cui ci troviamo. I pregi? È gratis, e alla lunga potrebbe rivelarsi un buon sonnifero.

Perché perdere tempo a salvare il mondo quando si possono passare delle ore a pulire il pavimento di casa?

1. Goat Simulator

“Capre. Siete tutti delle capre”. Una frase che ha reso celebre Vittorio Sgarbi. Una frase da intendere in maniera letterale per i giocatori di Goat Simulator. Un titolo, a dirla tutto, privo di qualunque senso logico, in cui il principale elemento di interesse è dato dalla possibilità di causare ingenti danni. Ovunque. E a chiunque. La capra nelle nostre mani è infatti, per sua natura, priva di qualunque filtro inibitore. È pronta a colpire i passanti con poderose testate. A saltare contro macchine. A devastare l’interno di un’abitazione. In un momento di autolesionismo, è anche disposta a prendere il volo per esibirsi in spettacolari evoluzioni. Un’esperienza trash come poche altre nel mondo dei videogiochi.

È un uccello! No, è un aereo! No, è Superman! Vi state sbagliando tutti, è una capra volante.

 

 

Leggi anche