Home Arcade Focus On

E3 2019: una Square opulenta, ma il cuore è per Final Fantasy

Una conferenza bella e ricca di varietà, che coniuga presente e passato nel miglior modo possibile

L’ombra di Sephiroth si aggira per Midgar… ma siamo sicuri che sia solo un’ombra?

Non solo nostalgia e strizzatine d’occhio ai videogiocatori con qualche anno sulle spalle: Square Enix dimostra di essere in grado di guardarsi indietro e di andare, allo stesso tempo, avanti cercando di non trascurare nessuno. Con una conferenza che si è rivelata forse la migliore di questo E3, l’azienda di Tokyo ha sicuramente trionfato grazie a una lunga presentazione del remake di Final Fantasy VII che ha fatto letteralmente urlare di gioia gli astanti. Il motivo? Scopritelo con noi. 

FFVII Remake: tutti i dubbi sono sciolti

Prima di tutto le cose importanti: il remake di Final Fantasy VII uscirà il 3 marzo 2020, o meglio, la prima parte di questa ciclopica avventura vedrà la luce in quella data. Composto da ben due Blu-ray Disc, si tratterà di un primo episodio che racconterà le vicende iniziali ambientate a Midgar, enormemente ampliate per l’occasione, perché chiunque abbia una buona memoria ricorderà che tale arco narrativo, per quanto importante, copre a malapena un quarto del gioco originale. Per questo motivo non possiamo non domandarci che programmi abbia Square Enix per il resto della storia: se si dovesse rispettare i piani già annunciati, concentrando tutto il remake in due soli grossi episodi, è abbastanza scontato che qualcosa finirà per rimanere fuori, anche se ci auguriamo che non sia questo il caso.

Frenetici, esplosivi, ma anche dotati di una componente tattica profonda. I combattimenti del remake di FFVII sembrano aver trovato un equilibrio perfetto.

Sul palco, il producer Yoshinori Kitase ha diviso la scena con il sempreverde Tetsuya Nomura per sciogliere alcuni dei dubbi che ci assillavano da tempo. Primo e su tutti, quello riguardo l’aggiornamento del sistema di combattimento. La soluzione adottata degli sviluppatori ci sembra davvero sopraffina: una combinazione di azione in tempo reale e combattimento a turni, che non esclude la possibilità di prendere il controllo di uno qualsiasi dei personaggi del team. Chi temeva una semplificazione eccessiva in stile Final Fantasy XV può dormire sonni tranquilli: gli elementi originali del settimo capitolo ci sono tutti. I personaggi potranno usare un attacco di base e una parata mentre due barre ATB si caricano; quando sono piene, il tempo rallenta e si avrà accesso a comandi più complessi che includono gli attacchi speciali (le “Limit Break” di un tempo), le magie equipaggiabili attraverso le famose “Materia” e, probabilmente, anche le evocazioni (Summon), che tuttavia non sono state mostrate. Le battaglie in questo modo sembrano essere incalzanti e tattiche quanto basta per soddisfare i nostalgici e accogliere a braccia aperte i nuovi arrivati.
Un altro grande momento della conferenza ce lo ha regalato l’entrata in scena di Tifa, che a dispetto del restyling subito negli ultimi anni è tornata qui esattamente come ce la ricordavamo. La prodigiosa combattente dalla lunghissima chioma bruna è riuscita a far esplodere un pubblico già in visibilio, e non era un’impresa facile. Potete ammirarla qui sotto nel trailer di lancio esteso, se riuscite a scorgere qualcosa tra le lacrime:

Final Fantasy non è solo il settimo capitolo

Nonostante da anni ormai monopolizzi l’attenzione di gran parte dei fan della serie, dobbiamo però ricordare (con qualche sforzo) che non esiste solo Final Fantasy VII. Square Enix di certo non se l’è dimenticato, e ha pensato di coccolare anche quei giocatori che hanno deciso di non mettere in pausa la propria vita in attesa del ritorno di Cloud Strife. Per gli appassionati di MMO, la nuova espansione di Final Fantasy XIV Online, intitolata Shadowbringers, sarà disponibile il prossimo 2 luglio, e con i suoi toni cupi e misteriosi già promette grandi emozioni.

In arrivo finalmente anche la versione remaster di Final Fantasy VIII, inspiegabile assente nelle riedizioni dei vecchi capitoli della saga pubblicate di recente. Il gioco, annunciano dal palco, sarà disponibile entro l’anno su console e PC. Il pubblico, neanche a dirlo, esulta, applaude e ringrazia.

Le altre novità

Cambiando decisamente genere, tra i nuovi annunci troviamo l’interessante Outriders, la nuova IP dell’azienda sviluppata da People Can Fly, che abbiamo conosciuto con Gears of War Judgement e Bulletstorm. Si tratta di uno sparatutto in cooperativa che vedrà da 1 a 3 giocatori coprirsi le spalle a vicenda dai terribili pericoli che si annidano su Enoch, un pianeta alieno sul quale è stato intercettato un misterioso segnale. Outriders uscirà nell’estate 2020 su Xbox One, PlayStation 4 e PC.

In Dying Light 2 giocheremo nei panni di Aiden in una città devastata da un’orribile infezione e ogni nostra scelta avrà conseguenze cruciali e ripercussioni.

Un nuovo trailer invece ci ha rivelato la finestra di lancio di Dying Light 2, che da un po’ di tempo latitava dagli annunci del publisher. L’action-horror di Techland uscirà nella primavera del 2020 su PS4, Xbox One e PC. Nuovo reveal anche per Tokyo RPG Factory, lo studio di Square Enix dedicato allo sviluppo di giochi di ruolo di vecchia scuola, già artefice dei discreti I Am Setsuna e Lost Sphear. Il nuovo titolo, Okinaki, non sembra discostarsi molto nello stile dalle produzioni passate, pur mostrando una vena artistica più spiccata. Il gioco sarà disponibile a partire dal 22 agosto.

L’altra bomba

Prima che cali il sipario, arriva l’altro annuncio che tutti aspettavamo: il reveal del gioco sugli Avengers sviluppato da Crystal Dynamics ed Eidos Montreal di cui si è parlato molto nei mesi passati. Confermato senza tanti clamori già nel 2017, Marvel’s Avengers, questo il titolo ufficiale, è un action adventure piuttosto interessante anche senza tirare in ballo la prestigiosa licenza che può vantare. Il gioco promette infatti di unire single-player e co-op, una progressione della storia lineare in un universo in continua espansione e un modello di gioco in stile “servizio” che non includerà però loot box ma offrirà una serie di aggiornamenti completamente gratuiti (personaggi, mappe, missioni) su base regolare. Niente male, per iniziare, e in decisa controtendenza con le comuni pratiche dei più blasonati competitor.
La storia del gioco vede gli amatissimi Captain America, Thor, Iron Man, Vedova Nera, Hulk e Iron Man tornare a combattere insieme per difendere la Terra ricomponendo il gruppo degli Avengers dopo che si era sciolto a causa di un brutto incidente.
Anche se non ci saranno gli attori di Hollywood a prestare nuovamente il volto ai celebri supereroi, troviamo qui Troy Baker (che in molti ricorderanno per aver prestato la voce a Joel di The last of Us e Booker DeWitt in Bioshock Infinite) nei panni di Bruce Banner, Nolan North in quelli di Tony Stark, Jeff Schine per Capitan America, Travis Willingham per Thor e Laura Bailey come Vedova Nera.
Marvel’s Avengers uscirà per PS4 (dove riceverà alcuni contenuti esclusivi), Xbox One, Stadia e PC il 15 maggio 2020. Prima di quanto pensassimo.
Per chiudere in bellezza, beccatevi il primo trailer ufficiale:

Leggi anche