Home Arcade Focus On

E3 2019: il manicomio di Devolver Digital

Il publisher più folle e anticonformista del mondo mette ancora una volta a ferro e fuoco Los Angeles presentando la sua futura line-up

Da Devolver Digital ti aspetti follia pura e, anche quest'anno, l'attesa è stata ripagata.

Chi ha partecipato alle ultime edizioni dell’E3 di Los Angeles ha avuto in testa un unico obiettivo: partecipare alla conferenza Devolver Digital, quasi sempre seguita da una festa esplosiva. Quest’anno il party non c’è stato ma in meno di mezz’ora il publisher texano ha mandato in orbita i suoi fan, dando di fatto vita ad un vero e proprio universo narrativo quasi più affascinante di quelli DC e Marvel. La Big Fancy Press Conference E3 2019 è stata il sequel diretto di quella dello scorso anno, conclusasi in stile Tarantiniano con copioso spargimento di sangue della presentatrice Nina Struthers, interpretata dall’attrice Mahria Zook. Dopo essere stata crivellata di colpi e successivamente ricostruita in stile Robocop, Nina ha tenuto fede al “TO BE CONTINUED” di 12 mesi fa e si è ripresentata sul palco la scorsa notte. I successivi cinque minuti sono stati uno spassoso scimmiottamento dell’industry che non ha risparmiato nessuno, Nintendo in primis. Fortunatamente c’è stato anche spazio per i videogiochi, pochi ma potenzialmente buoni.

Categoria: studente che non suggerisce neanche a morire

Il primo trailer era dedicato ad una sorta di Takeshi’s Castle (quello che una volta si chiamava Mai Dire Banzai) in salsa Teletubbies. Fall Guys Ultimate Knockout è un simpatico multiplayer ad eliminazione diretta, nel quale i giocatori saranno chiamati a vestire i panni di buffi personaggi rotondeggianti impegnati in una corsa ad ostacoli. Si parte in 100 e si va avanti senza esclusione di colpi superando prove di abilità, resistenza e precisione. Alla fine ne rimarrà soltanto uno… e senza bisogno di usare una spada come gli Highlanders.  In uscita all’inizio del prossimo anno su PC e PlayStation 4, peccato perché sembrava un gioco tagliato su misura per Nintendo Switch.

Categoria: studente che si copia da solo

Devolver Digital prende in giro tutti, anche il mondo della pirateria e lo fa con Devolver Bootleg, una collezione di versioni “contraffatte” di alcuni dei loro giochi più famosi, venduta ad un prezzo inferiore dell’1% rispetto agli originali. Avete letto bene: UNOPERCENTO, ma a caval donato… Ogni gioco ha anche un titolo leggermente differente: Enter the Gungeon diventa Enter The Gun Dungeon mentre Hotline Miami si trasforma in Hotline Milwaukee. Il pacchetto Bootleg contiene ben 8 titoli ed è acquistabile già ora sul sito DevolverBootleg.com, che vi spedirà diretti sulla corrispondente pagina Steam. Giocatori console ci dispiace, per ora la compilation è prevista solo su PC.

Categoria: studente che viene da un altro pianeta

Si rientra nei ranghi (si fa per dire) con un alieno che presenta sé stesso come protagonista del gioco successivo, sviluppato da Phobia Game Studio, Carrion. La definizione del suo genere di appartenenza è la seguente: Reverse Horror Experience. Una volta tanto vivremo un gioco sci-fi a tinte horror con gli occhi dell’alieno, in questo caso un essere multi-tentacolare che sembra uscito da un indigestione di John Carpenter, pronto a divorare e distruggere tutto. Grafica 2D in pixel-art davvero spettacolare e un gameplay che come tutti i giochi Devolver promette quel giusto pizzico di originalità. Uscita prevista in un imprecisato mese del 2020 su PC e console.

Categoria: studente che vive ancora negli anni ’90

Vedere un gioco arcade presentato durante l’E3 è un evento rarissimo se non unico nel suo genere, ma da Devolver Digital ormai ci aspettiamo di tutto. Enter the Gungeon: House of the Gundead è la versione arcade del popolare dungeon crawler per console e sì, nel titolo vuole prendere in giro il ben più noto House of the Dead di SEGA. Il cabinato con lightguns è sufficiente a far scendere la lacrimuccia a chi ha sperperato la propria gioventù (e lo stipendio dei genitori) nelle sale giochi, ma per poterci mettere le mani sopra dovremo attendere il prossimo anno. Se volete però potete ordinarne uno, costa solo 5000 dollari.

Categoria: studente che vuole più compiti a casa

The Messenger è un diverte ninja-game a scorrimento laterale con grafica 8 bit-style sviluppato dal team Sabotage Studio. Se non lo avete mai giocato o neanche sentito nominare, vi consigliamo di recuperarlo su PC, PlayStation 4 e Switch. In questo modo sarete pronti per godervi l’espansione gratuita Picnic Panic appena annunciata, che uscirà su tutte le piattaforme il prossimo 11 luglio. Il DLC porterà il silenzioso protagonista in giro tra spiagge e mari tropicali, ma rimarrà fedele alla sua natura di action game frenetico e impegnativo.

Categoria: studente che non crescerà mai

Tra i fan di Devolver c’è anche un certo Shuhei Yoshida, Presidente di Sony IE Worldwide Studios.Come al solito Devolver Digital mantiene la debita distanza dagli altri publisher, comunicando con il proprio pubblico in modo unico e inimitabile. Già pregustiamo la prossima puntata delle (dis)avventure di Nina, annunciata con un cliffhanger in stile Terminator alla fine della conferenza. La line-up presentata quest’anno all’E3 non era particolarmente nutrita ma come al solito le potenzialità di divertimento sono altissime, perché alla fine spesso ci dimentichiamo che il fine ultimo dei videogiochi è proprio quello. In attesa di vedere confermate o smentite le buone impressioni ricavate dal mini-show vi consigliamo di tenere d’occhio il calendario. Il 20 giugno uscirà infatti uno dei giochi Devolver presentati lo scorso anno, l’esplosivo e acrobatico sparatutto My Friend Pedro.

Leggi anche