Home Arcade Focus On

Come si sviluppa un videogame durante il lockdown? L’abbiamo chiesto a Bungie

Abbiamo intervistato il marketing director del team di sviluppo per l'uscita di 'Oltre la Luce', la nuova espansione di 'Destiny 2'. Ci ha raccontato il lavoro in remoto, l'approccio alla next gen, il futuro del titolo

Una delle principali novità di Oltre la Luce sarà la presenza di una nuova abilità denominata Stasi

Oltre la Luce è tra noi. La nuova espansione di Destiny 2 è finalmente disponibile, e si propone come un interessante mix tra novità e tradizione. Gli appassionati del titolo Bungie si ritroveranno tra le mani un pacchetto completo, dove tutti gli elementi caratteristici della saga sono al loro posto ma dove non mancano anche numerosi extra capaci di sparigliare le carte in tavola. C’è tutto quello che serve per divertirsi insomma, come ci ha spiegato nel corso di una chiacchierata online Gautier Ormancey, Marketing Director EMEA di Bungie.

ltre la Luce sarà disponibile anche su next gen, con versioni che gireranno in 4K a 60fps

Un percorso accidentato
«Sviluppare un’espansione ampia e strutturata in un periodo così complesso non è stato facile, ma siamo riusciti a procedere con la lavorazione di Oltre la Luce grazie a un’accurata pianificazione. Sin dall’inizio del lockdown ci siamo resi conto che la situazione non si sarebbe risolta velocemente, e abbiamo quindi fatto in modo che chi era coinvolto nello sviluppo disponesse a casa propria dei tool kit necessari per continuare a lavorare in sicurezza. Non è stato semplice organizzare tutto, considerando che il team è composto da oltre 600 persone, ma alla fine siamo riusciti a trovare un equilibrio che ci ha permesso di arrivare dove siamo», con queste parole Gautier Ormancey ha spiegato come è stato affrontato il periodo intercorso da marzo fino alla data di lancio (10 novembre), ritardata un paio di mesi rispetto alle previsioni iniziali (22 settembre). Un periodo in cui non sono mancate le difficoltà, ma che ha comunque permesso al team di sviluppo di creare un’esperienza di gioco ricca sotto ogni punto di vista. «Oltre la Luce offre tanto in termini di struttura di gioco e di contenuti», ha sottolineato Gautier «e propone una nuova gigantesca ambientazione, una luna ghiacciata di Giove chiamata Europa, sulla cui superficie i giocatori potranno incontrare nuovi nemici ed entrare in contatto con una nuova abilità denominata Stasi».

Proprio la Stasi rappresenta uno degli aspetti più interessanti del pacchetto, dato che permetterà di adottare nuove tattiche di attacco e di disporre di poteri extra che consentiranno, ad esempio, di rallentare il tempo o di congelare i nemici. Un arsenale ancora più ricco, con cui esplorare un ambiente come da tradizione ampio e ricco di sorprese e di segreti da scovare.

Oltre la Luce trasporta Destiny 2 su un nuovo pianeta, una luna ghiacciata di Giove chiamata Europa, con nuove minacce da affrontare

Un’esperienza per tutti
Destiny 2 è un titolo divertente. Ma non solo. È anche un’esperienza ampia e complessa, che si inserisce all’interno di un contesto narrativo che si sviluppa costantemente espansione dopo espansione. Bungie non ha creato un gioco in cui si combatte e basta, ma un vero e proprio universo in cui anche la storia ha un suo peso. «In Oltre la Luce i giocatori avranno modo di scoprire nuovi elementi che costituiscono il comparto narrativo di Destiny 2, con rivelazioni importanti e sviluppi di rilievo su elementi cardine come l’Oscurità. La visione complessiva è chiara per il team di sviluppo, che ha ben presente in che modo sarà portata avanti la storia nelle prossime espansioni», ha evidenziato Gautier, aggiungendo come Oltre la Luce sarà la prima parte di una trilogia e come sia un buon punto di partenza anche per chi non ha particolare dimestichezza con gli eventi passati. Un punto di partenza che, oltre alle “vecchie” console, si appresta ad approdare anche sulle nuove Xbox Series X e PlayStation 5. Oltre la Luce è infatti disponibile dal 10 novembre su PC, PS4 e Xbox One, mentre dall’8 dicembre saranno acquistabili anche le edizioni per next gen. Con una importante sottolineatura da fare. Le versioni “sorelle” tra le varie console (quindi PS4/PS5 e Xbox One/Xbox Series X) potranno contare su una funzione di cross-play. Questo vuol dire, in estrema sintesi, che tutti i possessori di console Microsoft (e allo stesso modo tutti i possessori di console Sony) avranno la possibilità di combattere fianco a fianco a prescindere dal sistema di gioco di cui dispongono.