Home Arcade Focus On

10 giochi di Sonic da recuperare prima di guardare il film

Manca davvero pochissimo all’uscita del film di Sonic. Se non avete giocato nessun titolo dedicato al celebre porcospino blu, ecco una pratica lista per colmare la lacuna!

L’aspetto della mascotte SEGA ha subito tante modifiche nel corso degli anni. Per fortuna ci siamo salvati dal design originariamente pensato per il film!

Pur essendo un personaggio molto famoso tra gli appassionati di videogiochi, Sonic non vanta la stessa notorietà di Super Mario tra chi non gioca abitualmente su PC o console. Mentre la mascotte Nintendo è ormai un’icona ben riconoscibile anche al di fuori del proprio settore di competenza, il porcospino blu non è ancora riuscito a compiere il grande salto verso lo status di leggenda universale. L’imminente uscita del film nelle sale cinematografiche potrebbe finalmente garantire al portavoce di SEGA il meritato successo con un pubblico trasversale. Per questo motivo, abbiamo deciso di aiutare chi non ha mai seguito le sue avventure a individuare i titoli più interessanti da recuperare prima della visione del film. Buon divertimento!

10) Sonic & All-Stars Racing Transformed

Anche se i puristi di Sonic non vedono di buon occhio i titoli in cui il porcospino blu si affida a dei veicoli per vincere gare di velocità, All-Stars Racing Transformed merita tutta la vostra attenzione. Non si tratta dell’ultima incarnazione della serie, visto che è uscito un altro episodio sull’attuale generazione hardware, ma è senza alcun dubbio il più ricco e divertente in circolazione. La quantità di piloti, veicoli e tracciati all’interno del disco è notevole e le continue citazioni ai videogiochi dell’universo SEGA sono una gioia per gli appassionati. Ciò che conta di più in questo genere di esperienze, però, è la giocabilità e su questo fronte si raggiungono livelli davvero notevoli. Non sarà Mario Kart, ma questo gioco di guida arcade è in grado di tenere incollati al controller per ore e ore, a casa con gli amici o nelle intense sfide online.

Abbiamo esitato a lungo prima di inserire questo titolo nella classifica, ma anche se si tratta di un’esperienza diversa dalle classiche avventure di Sonic, l’abbiamo ritenuta meritevole.

9) Sonic Colors

Il povero Sonic ha fatto molta fatica nel passaggio alle tre dimensioni. Le meccaniche che funzionavano a meraviglia con uno scrolling 2d diventavano infatti lente e macchinose in ambiente tridimensionale, appesantendo l’esperienza spesso in modo irreparabile. Nel corso degli anni, però, alcuni sviluppatori sono riusciti a rendere giustizia alla velocità del porcospino blu anche in ambiente 3d, senza rinunciare all’introduzione di nuove meccaniche. È questo il caso di Sonic Colors, che con l’aggiunta dei wisp e delle rispettive abilità ha dato vita a un’esperienza dinamica e coinvolgente. A rendere tutto ancor più appagante ci pensava un level design intelligente e quasi sempre equilibrato.

Sonic Colors è uscito su Wii e su 3DS. In passato l’idea di vedere Sonic correre sulle piattaforme Nintendo era inimmaginabile.

8) Sonic Adventure 2

Molti considerano Sonic Adventure 2 superiore al primo episodio uscito su Dreamcast, ma per quanto ci riguarda non è così. Pur essendo un gioco divertente e caratterizzato da notevoli passi avanti rispetto al predecessore, soprattutto dal punto di vista tecnico, la scelta di creare varie tipologie di gameplay a seconda del personaggio utilizzato non ha dato i frutti sperati. Se è vero che le sezioni rapide nei panni di Sonic o Shadow erano sempre appassionanti, lo stesso non si poteva dire per quelle che coinvolgevano gli altri personaggi, distanti anni luce dalle frenetiche corse a perdifiato che hanno reso famoso il porcospino blu. Nonostante qualche passo falso di troppo, Sonic Adventure 2 resta un capitolo godibile da recuperare a ogni costo.

La fuga dal camion lungo le discese di San Francisco cercava di replicare le emozioni della scena dell’orca del primo Sonic Adventure.

7) Sonic Lost World

Dopo l’uscita dell’incredibile Super Mario Galaxy, SEGA decise di far percorrere a Sonic una strada simile a quella indicata dal baffuto idraulico Nintendo, creando un gioco basato su livelli di dimensioni ridotte e sempre ben differenziati. Sono quindi apparsi dei piccoli pianeti dalle forme più disparate, sulla cui superficie il porcospino blu era chiamato a fare ciò che gli riusciva meglio: correre a perdifiato. Il risultato è stato molto soddisfacente, ma non abbastanza da trasformare quel tipo di level design in una scelta da replicare in futuro. Essendo uscito solo su Nintendo Wii U il gioco non ha registrato vendite degne di nota. Sarebbe interessante vederlo convertito su Nintendo Switch, un palcoscenico ben più luminoso e rilevante.

Con Lost World SEGA è riuscita a sfruttare a dovere l’hardware del Nintendo Wii U, dando vita ad ambientazioni dinamiche e colorate.

6) Sonic Adventure

Il primo livello di Sonic Adventure, in particolare la sequenza dell’inseguimento dell’orca gigante, ha convinto molte persone ad acquistare un Dreamcast. Con l’articolata avventura 3d di Sonic la sfortunata console SEGA metteva in mostra tanti muscoli e il desiderio di stupire i fan di vecchia data. Sonic Adventure non era un gioco perfetto. In alcune sequenze la gestione della telecamera era un vero inferno e alcune fasi di gioco vantavano un level design non certo impeccabile, ma in generale l’esperienza era all’altezza delle aspettative degli appassionati. Non accontentatevi di guardare qualche video del gioco su YouTube. Le fasi finali dell’avventura, con la trasformazione in Super Sonic che strizzava l’occhio ai super saiyan di Dragon Ball, meritano ancora oggi di essere vissute in prima persona.

Con Sonic Adventure SEGA sembrava aver capito come far evolvere nel 3d le meccaniche di Sonic. Purtroppo, i numerosi passi falsi fatti in futuro dimostrano tutt’altro.

5) Sonic The Hedgehog

Il primo passo. Il gioco che ha dato vita alla leggenda. Sonic The Hedgehog non è certo il miglior titolo dedicato al porcospino blu, ma è quello che ha dimostrato al mondo l’esistenza di un modo diverso di sfruttare salti e piattaforme, da quello indicato più volte da Nintendo. Il primo livello dell’avventura d’esordio di Sonic era il trionfo della velocità sull’esplorazione, un’esperienza del tutto diversa da quelle proposte fino a quel momento da altri esponenti dello stesso genere. Purtroppo non tutti i livelli vantavano la qualità di Green Hill zone, motivo per cui il capostipite della serie galleggia a metà classifica, ma questo non deve scoraggiarvi dal recuperarlo al più presto.

Caricando per la prima volta Sonic sul fido MegaDrive (possibilmente in versione americana o giapponese) si veniva travolti da colori sgargianti e da un’incredibile sensazione di velocità.

4) Sonic CD

La sfortuna di Sonic è stata quella di apparire spesso su hardware commercialmente poco rilevanti. L’esempio più lampante è Sonic CD, pubblicato nel 1993 per SEGA CD (o Mega-CD, a seconda del mercato di riferimento). Questo titolo aveva tutte le carte in regola per spaccare, ma è stato fortemente limitato dalla scarsa diffusione della piattaforma su cui girava. Su Sonic CD abbiamo assistito all’arrivo di personaggi come Metal Sonic ed Amy Rose, oltre a un approccio ludico che alternava con successo fasi 2d e 3d. Il comparto audiovisivo era spettacolare e la giocabilità non faceva rimpiangere i migliori capitoli usciti su MegaDrive. È davvero un peccato che solo poche persone lo abbiano potuto giocare, nel periodo dell’uscita.

I titoli come Sonic CD, sviluppati per le famigerate espansioni hardware dei sistemi in commercio, hanno sempre dovuto fare i conti con vendite al di sotto delle aspettative.

3) Sonic 3 & Knuckles

Quando non esistevano gli aggiornamenti, le patch e i DLC, i produttori erano costretti distribuire eventuali aggiornamenti dei propri giochi con nuove versioni fisiche. Questo tipo di dinamica ha fruttato milioni a una CAPCOM lanciatissima con Street Fighter. Sul fronte SEGA, un’operazione analoga è stata fatta con Sonic 3 & Knuckles. Questo titolo offriva ben tre personaggi giocabili con altrettante linee narrative che si intrecciavano fino a condurre a un boss finale sbloccabile solo dopo aver soddisfatto condizioni ben precise. La giocabilità, le idee, la colonna sonora e la qualità del level design rappresentano quasi il top per l’intero franchise di Sonic, motivo per cui dovreste fare il possibile per recuperarlo.

Quelli che oggi vengono venduti come DLC, in passato si trasformavano in giochi nuovi da comprare al negozio. Nel mercato attuale, Sonic 3 & Knuckles sarebbe stato un banale aggiornamento.

2) Sonic Mania

Dopo anni di tentativi da parte di SEGA di riportare in auge il porcospino blu, i risultati sono finalmente arrivati grazie allo sviluppatore Christian Whitehead e a un gruppo di fan di lunga data. È a loro che si deve la nascita di Sonic Mania, una delle migliori esperienze legate alla mascotte SEGA degli ultimi 20 anni. Il fatto che un tale risultato non sia stato raggiunto dal Sonic Team lascia capire la confusione in cui navigavano gli sviluppatori, che sembravano non ricordare più gli elementi che rendevano Sonic… beh! Sonic. Sonic Mania ha riportato la serie alle sue origini, con sprite animati alla perfezione e livelli progettati con amore e intelligenza. Potete recuperarlo su tutte le piattaforme dell’attuale generazione hardware.

Il gioco è letteralmente pieno di Easter egg dedicati ai fan storici della serie e sfrutta al meglio l’effetto nostalgia, senza renderlo il fulcro dell’esperienza.

1) Sonic 2

Tutte le meraviglie messe in campo con il primo Sonic, sono state opportunamente ampliate e migliorate in questo monumentale secondo episodio. Non è un caso se molte persone considerano Sonic 2 uno dei titoli imperdibili per il SEGA MegaDrive. Rispetto al primo capitolo il level design è stato perfezionato a dovere, rendendo l’azione sempre veloce e frenetica come ci si sarebbe aspettato dall’ipercinetico porcospino blu. L’arrivo di Tails, l’inseparabile compagno di avventure di Sonic, ha fatto strada ai numerosi comprimari apparsi nei capitoli successivi. Nel gioco sono state poi introdotte meccaniche diventate imprescindibili in ogni altro episodio del franchise. Se volete dire di aver davvero giocato il meglio di Sonic The Hedgehog, non potete fare a meno di questo capitolo indimenticabile.

Il film in uscita nelle sale cinematografiche riserverà una gradita sorpresa a tutti i fan di Sonic 2.