Drake-Land: come Drake sta diventando il padrone della NBA

Come può in poco tempo un rapper canadese diventare il faro di un'intera lega sportiva americana?
Foto via Facebook

Foto via Facebook


Chi controlla i controllori – dei cuori, delle menti e dei portafogli di milioni di appassionati di basket sparsi per il globo? Chi controlla i LeBron James, i Kevin Durant, gli Steph Curry? C’è qualcuno, nel mondo NBA, di più potente, ricco, dominante?

La risposta, con ogni probabilità, è no (almeno nel caso di LeBron). Ma un corsaro senza tema giunto dal Canada è sbarcato sui lidi della più luccicante lega cestistica, pronto a far razzie. Il suo nome è Drake, come l’antico navigatore inglese Sir Francis. Questo Drake, come il britannico, è un esploratore di nuove terre attratto dallo scintillio dei dobloni; bonus rispetto alter ego cinquecentesco: è pure rapper e imprenditore. Il curriculum è invidiabile: più di dieci milioni di dischi venduti negli Stati Uniti, relazioni con la controparte femminile Rihanna e con la controparte milf Jennifer Lopez, 3 Grammy vinti su 35 nomination, 100 milioni di dollari guadagnati. E il basket che c’azzecca? Il buon Drake, pur canadese, è turbofanatico della NBA da sempre. E, come sapranno gli appassionati, negli USA lo sport è prima business e poi sport; un’ottima opportunità per unire il dilettevole all’imprenditoriale.

I Toronto Raptors, nel 2013, nominano il rapper “global ambassador”; in soldoni: Drake è l’uomo immagine della franchigia – unica non statunitense a far parte della NBA – all’estero. Non finisce qui. Il rapper entra sottopelle a buona parte delle superstar del basket, stringendo amicizie – in bilico, più o meno, tra spontaneità e interessi commerciali – coi vari LeBron, Durant e Curry citati sopra, riservandosi l’opportunità di fingere feud alla bisogna, per pimpare ulteriormente la propria già smodata visibilità. La scalata è interminabile: oltre a farsi vedere a bordocampo nelle partite chiave dei suoi Raptors e in quelle più patinate dei playoff, Drake – che così fa il salto definitivo da maggiordomo libertino a co-padrone della NBA – ottiene di condurre, lo scorso giugno, i primi NBA Awards in formato show tv. Trattasi dell’occasione in cui vengono premiati i giocatori migliori della stagione precedente. Come a dire: tu LeBron, tu Durant, tu Curry, devi passare da me se vuoi aver riconosciuto a tutti gli effetti il tuo status. Sono io che do il ritmo alle danze e mi prendo le luci della ribalta: siete tutti parte del grande spettacolo di Drake.

E Drake, che a livello di showmanship non si fa mancare nulla, è pure un host competente. Sfotte le star del basket del presente e del passato presenti alla serata (dalla leggenda dei Celtics Paul Pierce, sul cui ritiro afferma: “i tifosi pensavano avesse smesso anni fa, visto come giocava”; a LeBron che sta diventando calvo “ma la gente se n’è accorta nel 2007”; all’autopresaingiro ecumenico-magnanima-profetica: “Tifo due squadre: i Raptors e i più forti del momento. Salto sul carro dei vincitori”.

Il brainwashing prosegue, anche a colpi di playlist. Drake è il musicista più ascoltato dai giocatori NBA; il 28% dichiara di cantare i suoi brani in auto. E poi ci sono i progetti cinematografici, vedi il documentario che ha co-prodotto – con la compartecipazione ancora di LeBron – sulla storia della leggenda dei Raptors Vince Carter, presentato all’ultimo Toronto Film Festival.

Insomma Drake, alla luce del sole e saltando cinque gradini per volta, sta divenendo il faro della NBA e, per esteso, del sistema-basket mondiale. Come il corsaro inglese che ha sconfitto la Invencible Armada spagnola, rischia di rimanere senza rivali. Al contrario di Francis Drake – morto di dissenteria a 55 anni, in disgrazia – il canadese sta riuscendo a diventarci lui, invincibile; nella terra degli invincibili.

Leggi anche: