Champions League: otto momenti epici (perché oggi si ricomincia)

Riparte (con un po' di supersfide) la coppa più ambita del mondo. Ecco i momenti che l'hanno segnata
Calcio, Champions League Finale 2017 - Real Madrid vs Juventus

Il Real Madrid esulta per la vittoria della Champions League 2016/17. Foto: DyD Fotografos/Future Image/WENN.com


Questa sera inizia l’edizione numero 26 della Champions League considerato uno dei massimi eventi dello sport professionistico internazionale e torneo dell’élite del calcio europeo.

Abbiamo scelto alcuni momenti incredibili – dal 1992 in poi – che ci introducono al torneo 2017/18, in cui la favorita resta il Real Madrid di Ronaldo, dove il Paris Saint Germain con gli acquisti monstre di Mbappè e Neymar vuole provarci fino in fondo dopo il crollo dello scorso Marzo al Nou Camp vittima della remontada storica del Barcelona; i blaugrana che arrivano ai blocchi di partenza un po’ in crisi di identità ma pur sempre la squadra di Messi, Inesta, Suarez, responsabile insieme agli arci rivali della capitale “castigliana” del dominio delle squadre spagnole negli ultimi anni. Abbiamo le corazzate inglesi – le due squadre di Manchester e il Chelsea di Conte – abbiamo le nostre (Juventus, Napoli, Roma) che insieme ad altri 23 team se la giocheranno da stasera nella prima fase, a gironi, fino ai “play off” di primavera.

Un campionato europeo per club con i migliori giocatori del pianeta che ci accompagnerà fino alla vigilia dei Mondiali di Russia 2018. Prepariamoci a pathos, gloria, lacrime, eroi buoni ed eroi cattivi, tanti goal, momenti emozionanti e incredibili giocate.

Il record di gol – Borussia Dortmund vs Legia Varsavia (2016)

La tensione sale quando iniziano gli scontri ad eliminazione diretta, nei gironi invece spesso ci avvengono strambi eventi, partite beffarde e momenti epici. L’anno scorso ad esempio Borussia Dortmund e Legia Varsavia hanno dato vita al match con più gol della storia della Champions League: 8 a 4 per i tedeschi. https://www.youtube.com/watch?v=iCzNxgYyjeQ

La parata impossibile – Barcellona vs Lione (2001)

È stata definitiva la parata più incredibile della storia del calcio, uno di quei salvataggi che riguardi prima per capire se sia vera, poi per capirne la dinamica, poi ancora per apprezzarla meglio. Il portiere del Lione, Coupet in un’unica azione ha fatto due parate da manga giapponese: prima mentre corre all’indietro devia sulla traversa uno sventurato retropassaggio di un compagno e subito dopo compie una paratona su Rivaldo.

La gioia di Mourinho – Manchester Utd vs Porto (2004)


[무리뉴 스페셜 1탄] 16강에서 맨유를 제압하는 무리뉴의 포르투 : Mourinho… di TanyaUighta36227173

Siamo nel 2004 e il giocatore del Porto Costinha segna un gol all’ultimo minuto contro il Manchester United (oggi allenato proprio dal Mou). Grazie a quella rete la squadra portoghese si qualifica ai quarti di finale: sarà il momento di svolta che porterà Josè Mourinho a vincere da underdog la sua prima Champions League. La sua esultanza al gol di Costinha rimarrà negli annali.

Il Barcellona di Messi (anni 2000)

L’addio di Neymar, il tempo che passa anche per i senatori, un nuovo allenatore e un clima di sfiducia dei tifosi nei confronti dei vertici della società possono far sorgere dubbi sulle reali possibilità per la squadra di Inesta e compagni di poter competere fino alla fine. Ma sono pur sempre il Barcelona, definita la squadra “del secolo”, una macchina perfetta e capace di dare lezioni di calcio soprattutto a metà anni zero. Per darci una rinfrescata parliamo prima di tutto da Leo Messi: ci sono giocatori che riescono a segnare tre gol in una partita, raramente qualcuno ne segna quattro ma segnarne cinque come ha fatto “la pulga” contro il Bayer Leverkusen è un evento tipo-eclissi. Messi è la punta di diamante di una squadra che negli ultimi dieci anni nella Liga e in Champions è stata capace di fare questo.

La tripletta più veloce – Lione vs Dinamo Zagabria (2011)


DINAMO ZAGREB 1-7 LYON 7-12-11 FULL HIGHLIGHTS… di garethbetty007

Bafétimbi Gomis del Lione è riuscito nell’impresa di segnare tre gol in soli sette minuti. Come dicevamo segnare tre gol è difficile, ma per pochi eletti è un po’ più semplice: ci sono due giocatori che scenderanno in campo in questa Champions League 2017/18 che detengono il record di triplette, chi? Leo Messi e Cristiano Ronaldo, ovvio.

I quattro gol e la bicicletta di Marco Van Basten – Milan vs Goteborg (1992)

Quello che è accaduto a San Siro il 25 novembre 1992 è rimasto nella memoria di ogni tifoso milanista e non solo, una serata che consacrò definitivamente nell’0limpo del calcio Marco Van Basten. Se segnare 3 gol è difficile, farne 4 è raro: l’olandese riuscì in questa impresa coronandola con un gol in rovesciata divenuto un instant classic della Champions League.

Il gol del portiere – Standard Liegi vs AZ Alknaar (2009)

Il portiere turco dello Standard, Sinan Bolat, ha segnato di testa nei minuti di recupero. Grazie al suo gol i belgi hanno evitato l’eliminazione dall’Europa. Una partita oramai persa e risolta al novantacinquesimo minuto da un assalto suicida dei belgi che su un calcio da fermo hanno trovato nel loro portiere l’eroe della nottata

Il golazo – Fiorentina vs Barcellona 1999 (1999)

È considerato uno dei gol più belli della storia del gioco ed è stato inserito dall’UEFA tra i 20 “top moments” della Champions League: il gol in rovesciata di Mauro Bressan al Franchi di Firenze. Tutto da rivedere.

Leggi anche: