Pistorius, raddoppiata la condanna per omicidio

«Non mostra segni di rimorso, e non capisce la gravità delle sue azioni», ha detto il giudice . L'atleta, colpevole di aver ucciso la fidanzata, sarà in carcere per 13 anni e 5 mesi

Oscar Pistorius, foto imago/PR / IPA


Oscar Pistorius dovrà passare i prossimi 13 anni e 5 mesi in carcere. La Corte Suprema d’appello di Bloemfontein ha corretto quanto deciso diciassette mesi fa dal tribunale di Pretoria, che l’aveva condannato a sei anni per l’omicidio della fidanzata.

Pistorius, all’epoca, si era difeso dicendosi convinto che la fidanzata Reeva Steenkamp fosse uno sconosciuto che si era introdotto illegalmente a casa sua: la sentenza – solo sei anni, di cui quattro ai domiciliari – era stata fortemente criticata dalla famiglia della vittima, che la riteneva troppo morbida.

Il giudice della Corte Suprema Willie Seriti è d’accordo, e ha dichiarato che «la condanna a sei anni è così morbida da banalizzare la gravità delle accuse, che invece sono molto serie». Il giudice, secondo la ricostruzione di Associated Press, ha poi specificato che Pistorius «non mostra segni di rimorso, e non capisce la gravità delle sue azioni».

Un portavoce della famiglia Steenkamp ha commentato la decisione del tribunale: «la famiglia sente di aver finalmente trovato giustizia. Ora Reeva può riposare in pace». Pistorius diventerà idoneo alla condizionale non prima del 2023, quando avrà scontato almeno metà della sua nuova pena.

Leggi anche: