Showboat, la vita di Kobe Bryant  - Roland Lazenby
Recensioni

Showboat, la vita di Kobe Bryant
Roland Lazenby


Tra le nebbie dei sigari della vittoria e le sedute solitarie in palestra, a confliggere con se stesso e i propri limiti, risiedono mille diversi Kobe Bryant. Li racconta un gigante dello sportswriting, Roland Lazenby, che, dopo Micheal Jordan, torna a sezionare un campione e un uomo complesso. Il paragone con sua maestà rimane sullo sfondo, se è vero che, come spiega lo psicologo George Mumford, che ha lavorato con entrambi, “è la loro inattaccabile sicurezza di sé a collocarli in una categoria a parte”.

Kobe è allo stesso tempo Showboat, il “fenomeno”, dall’odiato soprannome dell’odiato Shaquille O’Neal, e il Black Mamba, che lui stesso si scelse dopo le accuse di stupro. Lazenby racconta il Bryant privato e quello fin troppo pubblico, la simbiosi con papà Jellybean, l’infanzia a Reggio Calabria (“con un clima tipo San Diego”). I dubbi del draft del ’96, Phila e l’amore, ricambiato, per L.A., lo spogliatoio dei Lakers.

Un tour di addio arrivatp all'ultima tappa. Foto: Layne Murdoch/NBAE via Getty Images

Un tour di addio arrivato all’ultima tappa. Foto: Layne Murdoch/NBAE via Getty Images

“Era il più grande, non fosse così stronzo”, ha detto un anonimo compagno. A un anno dal suo (estenuante) addio al basket, è tempo di affrontare la legacy del “personaggio più polarizzante dello sport USA”. Questa monumentale biografia, dove le luci della leggenda non coprono le ombre, è un buon viatico per farlo.

Altre notizie su: