Modern Ruin - Frank Carter & the Rattlesnakes
Recensioni

Modern Ruin
Frank Carter & the Rattlesnakes


La quiete prima della tempesta, anzi prima dell’acquazzone. Il secondo album del tatuatissimo Frank Carter con i suoi The Rattlesnakes si apre infatti con Bluebelle, breve ballata eterea che spalanca le porte al riffone hard di Lullaby, un pezzo che tanto deve a colossi del rock contemporaneo come Queens of the Stone Age e Muse. Modern Ruin è un concentrato di ritmiche cadenzate, sporadiche accelerazioni, sussurri, aperture melodiche ruffiane e… per ascoltare una sana sfuriata hardcore (Carter era il cantante dei Gallows) bisogna aspettare proprio la canzone che dà il titolo al disco, chiuso peraltro da un’altra ballatona dalle sfumature screamo che arriva solo in coda. Notevole la citazione di TV Eye degli Stooges, chissà se voluta o frutto dell’inconscio, nel singolo Snake Eyes. Tutto sommato un album piacevole, ma che rispecchia poco l’imprevedibile irruenza live di Carter.

La recensione è stata pubblicata su Rolling Stone di gennaio.
Potete leggere l’edizione digitale della rivista,
basta cliccare sulle icone che trovi qui sotto.
rolling-appstorerolling-googleplay

 

Altre notizie su: