Interiors - Quicksand
Recensioni

Interiors
Quicksand


Che fine hanno fatto i ciuffi piallati sugli occhi, i lunghi bracciali neri a nascondere (o implicare) incisioni autoinflitte con lamette da barba? Il trucco nero abbondante e i look ispirati a scacchiere in black and white? Che fine hanno fatto gli emo, insomma?

Di loro ricordo quel video che circolava su YouTube – comitive esistenzialiste e confusissime riprese all’ombra delle Colonne di San Lorenzo di Milano – e i miei ripetuti (e disperati) tentativi di capire come si fosse arrivati a quel movimento giovanile dallo stile musicale omonimo, figlio più o meno legittimo della felice stagione post-hardcore vicina alla Dischord di Washington. Ma forse il legame alla fine era semplicemente l’enfasi sull’emotività: il post-punk aveva smesso di occuparsi di politica e di sociale, per concentrarsi sull’introspettivo e sul personale. Una specie di riflusso alternativo, insomma.

‘Interiors’ è un’occasione per rivivere gli anni ’90

I Quicksand erano sicuramente della partita: solidi e serrati come imponevano le influenze di una certa tipologia di grunge. Urlati, ma allo stesso tempo iper-sensibili. Questo ritorno dei Quicksand con il loro ultimo Interiors è una specie di macchina del tempo: una piacevole occasione per chi volesse (ri)vivere per un’ora circa quella stagione caratteristica della metà degli anni ’90. Una pura curiosità per chi, invece, non ne sentisse il bisogno.

Altre notizie su: