Red Ronnie: cinque consigli per i cantautori italiani

Abbiamo chiesto al conduttore e critico musicale, a Sanremo per Fiat Music, cosa dovrebbe fare un giovane che vuole sfondare nella musica.
Red Ronnie con il trio The Colors sul van di FIAT Music

Red Ronnie con il trio The Colors sul van di FIAT Music


Red Ronnie è uno dei volti più noti della critica musicale italiana. E con lui siamo stati a Sanremo per qualche giorno, dentro la coloratissima roulotte di Fiat Music a Casa Sanremo. Fiat Music è il road show dedicato ai giovani talenti musicali e ai cantautori italiani. Oltre a dare la possibilità di esibirsi sul palco di Casa Sanremo (e in tante altre location in giro per l’Italia), Red Ronnie ha dispensato consigli ai tanti giovani che hanno partecipato, portando cd, chiavette e altri supporti per far ascoltare le proprie esibizioni.

Qui di seguito abbiamo raccolto i migliori.

Fare musica dal vivo.

Non vuol dire partecipare ai concorsi, ma suonare dal vivo, formare una band. Bisogna cercare il consenso attraverso ciò che si scrive.

Il marketing.

Ci sono ragazzi che portano Cd senza foto, con dei disegni astratti. Bisogna dare il giusto peso a se stessi, bisogna sapersi vendere. Quando fai un prodotto devi venderlo bene.

Imparare a suonare.

In molti pensano che sia importante la voce e che gli strumenti non contino niente. Ma chi fa la musica? Se vuoi comporre le tue canzoni devi imparare a suonare.

Cantare vuol dire emozionare.

Arrivano ragazzi che cantano benissimo, che privilegiano il canto e vogliono dimostrare di avere una voce potente. Non bisogna farsi condizionare dalle grandi voci, ma bisogna saper dosare. Cantare vuol dire emozionare, bisogna saper dosare quello che si sa fare.

La poetica delle canzoni.

In tanti scrivono canzoni, ma scrivere canzoni non significa descrivere una situazione ma fare una poesia. Bisogna dare dei flash, degli acquerelli… La canzone è un componimento poetico, non una prosa.