G-SHOCK resiste anche al peso di un dinosauro

Questa mattina è apparsa una voragine in zona Turati a Milano. Una gigantesca impronta di rettile preistorico che ha danneggiato vari oggetti, ma non lo storico orologio da polso

Chi bazzica in zona Turati a Milano avrà notato l’immensa voragine che è misteriosamente apparsa da poche ore di fronte alla redazione di Radio 105. Non un’esplosione o una fuga di gas, ma qualcosa di ben più incredibile ha causato l’enorme cratere nell’asfalto milanese: un dinosauro, un feroce predatore della specie Gigantophis Rex, abbreviato G-Rex dalla comunità scientifica.

La pesante zampa del rettile ha provocato vari danni, tra cui un motorino e il manto stradale. Un ignaro passante (incolume) è stato sorpreso dall’onda d’urto mentre faceva jogging mattutino. Solo un oggetto è rimasto illeso, resistendo all’enorme pressione dell’impatto: un orologio G-SHOCK. Va da sé che la vera notizia consiste in un essere preistorico che vaga indisturbato per la metropoli, non di certo il fatto che la G-SHOCK fa da oltre 30 anni orologi indistruttibili—quello lo sanno tutti.

Uno dei primi scatti dalla scena

Uno dei primi scatti dalla scena

Si tratta dell’ultima trovata dei ragazzi di Casio, che quest’anno festeggiano il 35esimo anniversario dal lancio del primo modello, il famoso DW-5600. Il nome in codice dell’intera operazione è “The Footprint”, cercate le varie foto dell’area transennata stile Stranger Things sui social ufficiali del brand.