Eicma 2017, il paese dei balocchi su due ruote

Le dieci cose da non perdere in fiera da oggi a domenica

È il bengodi del motociclismo mondiale e va in scena ogni anno puntuale durante l’autunno milanese. EICMA è una sorta di paradiso per chi le dueruote le ama, le guida o anche solamente le ammira anche giù dalla sella, con un misto di reverenza ed eccitazione. All’appuntamento di Rho Fiera ci vai se ti piacciono le sportive, se sei un feticista delle enduro e anche se l’unica concezione di moto che hai è quella della custom da guidare alla Easy Rider. Per dirla alla milanese, una vera e propria ‘settimana della moto’, con tanto di eventi ‘fuorisalone’ e appuntamenti vari tra i padiglioni e in giro per la città, quest’anno ancora più coinvolta. 

Harley Davidson, la nuova generazione del mito di Milwaukee

Se lo stand Harley Davidson è da sempre una delle tappe fondamentali di una scampagnata per i padiglioni EICMA, quest’anno le attese per l’arrivo delle moto di Milwaukee erano ancora più alte, per via della nuova gamma che di fatto ha rivoluzionato la storia dello storico marchio. Se l’occasione milanese è stata quella per presentare al pubblico la nuova Sport Glide 2018, nello stand del doppio cilindro statunitense e arrivata in massa tutta la nuova gamma Harley.

Oltre agli imponenti modelli CVO (Street Glide, Road Glide, Limited, Street Glide Special e Road Glide) definite dagli addetti ai lavori ‘kickass cruiser’, protagonisti sono anche i nuovi modelli della gamma Softail  Fat Boy con il canalone rettangolare, Heritage Classic, Low Rider, Softail Slim, Deluxe, Breakout, la chiacchierata Fat Bob con il faro rettangolare e Street Bob. Tutte, con importanti innovazioni che dal nuovo telaio, più leggero, alla tecnologia, fino ai nuovi sistemi di ammortizzatori che portano Harley un enorme miglioramento in termini di confort (alias ‘ciao ciao vibrazioni spaccaschiena’).

Kawasaki riporta in scena gli anni Settanta

Livrea di colori diversi, a partire dal verdone classico del marchio giapponese, faro rotondo e serbatoio che richiama quello della mitica Z1 Super Four 900 del 1972, la Kawasaki Z900RS ha fatto alzare le antenne agli appassionati di moto di genere ‘classic’, ovvero ispirate al passato del quale conservano il fascino, anche se adattate al presente con tutte le dotazioni tecnologiche necessarie. Il motore, con qualche cavallo in meno, è quello moderno della supernaked Z900 e l’ABS è di serie ed è più che sufficiente per frenare lo slancio dei 215 kg di moto. Sorella, ma non gemella della Z900RS è invece la Z900RS Cafe, ovvero la variante cafe racer del modello di cui sopra, più sportiva e aggressiva nei colori e nella posizione di guida: diversi dalla RS il cupolino, il manubrio a piega bassa, la sella, la finitura del silenziatore e la colorazione Vintage Lime Green evocatica delle Kawasaki da endurance dei primi anni ’80.

Piaggio guarda all’ambiente con Vespa Elettrica e al futuro di Guzzi
Grandi novità in casa Piaggio in occasione di EICMA 2017, per quello che anche Guido Meda, presentatore d’eccezione per la presentazione alla stampa dei nuovi modelli, ha definito come qualcosa che potrà fare storia. Se un pezzo di storia delle dueruote italiane l’ha già fatto Vespa, dal 1946, altrettanto potrebbe fare la nuova Vespa Elettrica. La piccola di casa Piaggio è dotata di un piccolo motore termico che entra in funzione automaticamente quando quello elettrico si avvicina ad esaurire la ricarica, così da prolungarne il tempo d’utilizzo.
Un’annuncio in grande stile è anche quello che, a proposito di Moto Guzzi, ha fatto il Colonnino in persona. Pare infatti molto probabile che la casa di Mandello del Lario riporterà in scena un modello come la Griso, moto avveniristica nel design e nella concezione, che ha fatto scuola per modelli di altre case che oggi vanno per la maggiore. Una nuova piattaforma è anche quella alla quale i tecnici Guzzi stanno lavorando per una nuova serie di modelli, a cominciare dal prototipo V85, offroad dalle tante prospettive. 

Ducati, dalla MotoGp per tutti i giorni (o quasi) ai nuovi Scrambler

Non passa EICMA che Ducati non presenti al pubblico una serie di novità che fanno rizzare i peli ai ducatisti doc. E anche quest’anno quelli di Borgo Panigale non si sono smentiti, organizzando una première già qualche sera fa niente meno che alla X Factor Arena, prestata per una sera al mondo delle dueruote. “La nostra storia è una ‘sinfonia italiana’ – ha detto Claudio Dominicali, che di Ducati è l’AD – perché siamo persone che lavorano come una grande orchestra”. E le note, quelle che Ducati ha presentato quest’anno sono quelle del rombo della nuova Panigale V4, ovvero la moto che più di tutte porta una moto praticamente da gara, alla portata di tutti (si fa per dire perché 214 cavalli e i 226 della versione Speciale prodotta in 1500 esemplari numerati, non sono proprio per tutti tutti), con l’aggiunta di tutti i sistemi di sicurezza necessari all’uso su strada. Novità dell’anno sono anche la nuova Scrambler 1000, che va ad aggiungersi ai medesimi modelli di cilindrata inferiore, oltre alla nuova Multistrada (1250 e 1260 Pikes Peaks).

Arch Motorcycle, i bolidi dalla California firmati da un certo Keanu

keanu

Il nome della casa motociclistica non vi dice niente? oltrepassate il piccolo stand alzando le sopracciglia in segno di dubbio? grandissimo sbaglio, almeno per un paio di motivi. Il primo è che Arch Motorcycle produce pochi modelli ma belli da togliere il fiato, in fatto di design ma anche di ciclistica e fascino tra lo sportivo e la custom. Il secondo motivo è che nello stand potreste anche trovarci un tale che risponde al nome di Keanu Reeves che del marchio produttore di dueruote è uno dei due titolari, assieme a Gard Hollinger, più che noto customizer americano. Nel catalogo della Arch, ci sono i tre modelli che i due hanno presentato nei giorni scorsi in fiera, agitandosi e passando il tempo a mimare fasi di guida come dei bambini davanti ai loro giocattoli preferiti (venduti poi a prezzi avvicinabili per attori di Hollywood e affini).  dintorni. “L’anima dei nostri modelli è rock’n’roll – ha detto Reeves – e quando sei in sella a una moto hai la sensazione di andare oltre le cose ma nello stesso tempo vivi l’attimo. È questo alone di mistero che mi piace quando salgo in sella”. I tre gioielli di casa Arch rispondono ai nomi di KRGT-1, ARCH 1s e ARCH Method 143.

Bmw senza mezze misure, dalle highways agli spazi urbani

La casa tedesca dell’elica, in occasione dell’esposizione mondiale-milanese si è mossa soprattutto in due direzioni diametralmente opposte, ovvero quello del mercato delle moto ‘gigantesche’ e pensate per il mercato americano, oltre a quello dell’uso cittadino delle dueruote. Nel primo caso, la protagonista nell’immenso stand Bmw è la K1600 Grand America, ovvero il meglio per il viaggiare in totale ed assoluta comodità sulle grandi strade americane, praticamente come se si stesse sulla poltrona di casa ma con la soddisfazione della strada che scorre sotto gli stivali e delle infinite possibilità di personalizzazione del mezzo. Sul versante ‘urban’, invece, l’attenzione Bmw si è concentrata sul maxi scooter C400, completamente ripensato con un’iniezione di tecnologia degno delle grandi moto e una connettività massima.

Honda, l’insostenibile leggerezza delle ‘nude’ giapponesi

Nemmeno in casa Honda si sono fatti trovare impreparati all’appuntamento con EICMA, almeno su due fronti. Il primo è quello relativo ad uno dei modelli da turismo lungo (molto lungo) che per il 2018 vedrà l’ingresso in listino della mastodontica GL1800 Gold Wing GT, il secondo invece è l’arrivo di una nuova ‘nuda’ chiamata CB1000R, candidata ad essere la degna discendente della Hornet che tanto ha portato fortuna alla casa nipponica, crescendo in termini di cilindrata e entrando di fatto nella categoria delle ‘sports café’. Nell famiglia CB sono entrate a far parte anche le più piccole  125R e 300R sono. piccole naked equipaggiate con elettronica da moto per grandi.Sul filo dell’operazione nostalgia, in casa Honda si sono dedicati anche alla rivisitazione del Monkey 125, trottolino a due ruote e a marce, che è l’edizione moderna e aggiornata di un grande classico della casa giapponese. Stesso discorso per il SuperCub, il mitico scooter col cambio che, prodotto dal 1958, è stato venduto in oltre 100 milioni di esemplari nel mondo eadesso sembra pronto a rinverdire i suoi fasti con una nuova versione.

MV Agusta rinnova l’estremo tutto italiano

Estrema, potente e con il solo obiettivo dichiarato di scaricare quanta più potenza possibile sull’asfalto. MV Agusta per il suo 2018 presentato in fiera in questi giorni è riuscita nell’impresa di rinnovare uno dei suoi modelli di punta, la Brutale. La nuova Dragster 800 RR è infatti arrivata ad EICMA 2017 ridefinendo i confini tecnici e stilistici di un modello che ha saputo imporsi nel mercato delle super-moto in quanto a stile ed emozione nella guida, sopra le righe e totalmente fuori dagli schemi. La sigla RR significa poi, in soldoni, massimo della potenza e nella naked più cattiva di Schiranna, le prestazioni da brivido si accompa-gnano a una guidabilità più appassionante e allo stesso tempo organica: meno vibrazioni, rumorosità abbattuta del 50% rispetto al modello precedente, meno emissioni, più potenza, e un’impostazione di guida meno impegnativa. Un sogno fatto di accelerazione e design, insomma. 

Moto ‘speciali’, vintage e musica all’East Market

Non è solamente la fiera di Rho la sede in cui da oggi a domenica si parlerà di moto e dintorni, ma anche l’East Market per una sorta di ‘fuori salone’ delle due ruote. Gli ex capannoni industriali di via Ventura, in quel di Lambrate, da oggi a domenica saranno infatti la cornice per l’East Eicma Motorcycle, ovvero quattro giorni in compagnia dei ‘veicoli speciali’ di Bmw, Ducati, Harley Davidson, Honda, Moto Guzzi, Yamaha, Moto Morini e circa cento espositori tra customizer italiani e stranieri, collezionisti, artigiani e professionisti del settore. Musica, anche, con il dj set del venerdì sera con Martin Finnigan, leader della Rainband di Manchester, sabato pomeriggio con la formazione surf jazz M.O.N.K. e sabato sera con Three Cool Cats, tra rock’n’roll e r’n’b. Domenica pomeriggio spazio all’hammond soul jazz di Mike Painter Quintet e Viola Road, mentre per tutta la durata della manifestazione saranno presenti le selezioni di DJ Ringo e DJ Henry.

Love To Ride, le moto arrivano in piazza Duomo

Love To Ride è l’evento fuorisalone dedicato al mondo delle due ruote, che si terrà dal 7 al 13 novembre nel flagship store di Rinascente. Dopo il successo dello scorso anno, torna ancora una volta nel cuore di Milano l’evento dedicato agli appassionati di moto, mentre in Fiera si svolge la manifestazione di settore più di spicco a livello mondiale. Tra moto, moda e lifestyle, in Rinascente saranno presenti alcune delle case a dueruote e dintorni   più prestigiose (Bmw, Dainese con le nuove giacche e una vetrina con la MV Agusta di Giacomo Agostini, Vespa, Energica e Yamaha), delle quali si potranno scoprire alcune delle novità tenute in serbo proprio per EICMA 2017.