Rolling Stone Italia

Tutte le storie nere dei Led Zeppelin

Tra squali, satanismo, magia nera e eremiti abbiamo verificato tutte le leggende intorno alla band, dalla fidanzata 14enne di Page alla morte di Bonzo

Jimmy Page, Robert Plant, John Paul Jones, John Bonham. Foto di Charles Bonnay/The LIFE Images Collection/Getty Images

Esiste una band che ha creato tante leggende e disinformazione come i Led Zeppelin? Prima di Internet non c’erano molte informazioni sulle rock star e i fan (tra cui legioni di ragazzini sballati ossessionati dai Led Zeppelin) riempivano il vuoto con le voci che sentivano in giro e racconti sfrenati di decadenza, satanismo e di un famigerato tipo di pesce. La cosa incredibile è che non tutte erano stronzate. Questa è la guida a quello che è vero oppure falso. E a tutto quello che sta in mezzo.

Suonando Stairway to Heaven al contrario si sentono dei messaggi satanici

Il retroscena
Il telepredicatore Paul Crouch ha messo in giro questa voce nel 1982, sostenendo che suonando al contrario la strofa “Se c’è un trambusto nella tua siepe, non allarmarti” del pezzo più famoso dei Led Zeppelin, si sente: “Questa è per il mio caro Satana / Colui il cui cammino mi rende triste e il cui potere è il diavolo / Lui darà 666 a tutti quelli che sono con lui / C’è una piccola capanna dove ci ha fatto soffrire, il triste Satana”.

La verità
Quella strofa suonata al contrario è in effetti simile all’interpretazione di Crouch, ma è solo una coincidenza. «A chi verrebbe mai in mente di fare una cosa del genere?», ha detto Robert Plant a proposito delle accuse di satanismo, «Se credi che qualcuno possa anche solo pensare di farlo vuol dire che hai un sacco di tempo da perdere».

Jimmy Page ha comprato la casa appartenuta ad Aleister Crowley

Aleister Crowley

Il retroscena
Crowley è un filosofo e occultista inglese che all’inizio del XX secolo si dilettava di magia nera. Page ne era ossessionato, e ha collezionato un’enorme quantità di memorabilia.

La verità
Nel 1971 Page ha veramente comprato una casa appartenuta a Crowley a Loch Ness, in Scozia, dicendo che era infestata dai fantasmi, ma non necessariamente per colpa di Crowley: «Prima che arrivasse lui, aveva avuto due o tre proprietari», ha detto Page a Rolling Stone nel 1975. «In passato nello stesso luogo c’era un chiesa che è stata rasa al suolo con tutti i fedeli dentro. Sono successe cose strane in quella casa che non hanno niente a che vedere con Crowley, c’erano già delle brutte vibrazioni. Un uomo era stato decapitato là dentro e a volte si sentiva il rumore della testa che cadeva dalle scale».

Keith Moon degli Who ha inventato il nome Led Zeppelin

Il retroscena
Nel 1966, Keith Moon e John Entwistle registrano Beck’s Bolero con Jimmy Page, John Paul Jones e Jeff Beck. Il pezzo viene bene e i cinque pensano anche di formare una band. Moon dice che si schianterebbe come un dirigibile di piombo (in inglese “lead Zeppelin”). Due anni dopo Jimmy Page si ricorda della sua battuta e crea il nome Led Zeppelin.

La verità
Ci sono versioni discordanti: per anni John Entwistle ha detto di essere stato lui a dirlo. Ma la storia sembra dare ragione a Moon.

John Bonham aveva bevuto 40 shot di vodka la notte in cui è morto

John Bonham. Foto di Dick Barnatt/Redferns

Il retroscena
John Bonham viene trovato morto la mattina del 25 settembre 1980 nella casa di Page nel Windsor Berkshire, dopo aver bevuto tutto il giorno precedente durante le prove.

La verità
Secondo i risultati dell’autopsia, il batterista aveva in corpo l’equivalente di 40 shot di vodka. Aveva bevuto vodke quadruple tutto il giorno ed era così ubriaco che non si è svegliato quando il suo corpo ha cominciato a espellere l’alcol.

Jimmy Page è un adoratore del diavolo

Jimmy Page. Foto di Dick Barnatt/Redferns

Il retroscena
L’ossessione di Page per Aleister Crowley ha alimentato le voci secondo cui lui e Satana erano molto vicini. Un’altra leggenda dice che i Led Zeppelin hanno fatto un patto con il diavolo in cambio della fama.

La verità
Non ci sono prove del fatto che Page fosse un satanista, anche se credeva nella filosofia della liberazione personale di Crowley (ha fatto anche scrivere l’aforisma di Crowley “Do what thou will” sull’etichetta del vinile nell’edizione originale di Led Zeppelin III). Page non fa molto per smentire le voci, forse perché capisce che fanno bene alle vendite. «Non voglio parlare delle mie credenze personali o del mio interesse per la magia», dice a Rolling Stone, «non sono interessato a convincere nessuno di niente, se le persone vogliono trovare delle risposte, che le trovino da sole».

Jimmy Page stava con una ragazza di 14 anni

Jimmy Page e Lori Maddox nei primi anni ’70. Foto di Michael Ochs Archives/Getty Images

Il retroscena
Nei primi anni ’70 Lori Maddox è una groupie della scena rock di Los Angeles. Secondo quanto ha raccontato, Page si è invaghito di lei e ha chiesto a uno dei roadie dei Led Zeppelin di accompagnarla nella sua suite alla Hyatt House. «Aveva un cappello in testa che gli copriva gli occhi e teneva in mano un bastone. Sembrava un gangster, era magnifico», ha ricordato lei. Negli anni successivi i due hanno avuto una storia bollente.

La verità
Maddox aveva in effetti 14 anni quando ha incontrato Page, che ha fatto il possibile per mantenere segreta la relazione. Anche negli anni ’70 questo tipo di cose potevano farti finire in galera. Però, non essendoci ancora TMZ o US Weekly, Page se la cava. E alla fine lascia Maddox per Bebe Buell, che è maggiorenne.

I Led Zeppelin una volta hanno abusato di una ragazza con uno squalo

Il retroscena
La leggenda più tristemente nota dei Led Zeppelin inizia dopo il concerto al Seattle Pop Festival del 27 luglio 1969, quando la band torna all’hotel Edgewater Inn, che si trova proprio nelle acque dello stretto di Puget, e gli ospiti possono pescare direttamente dalle finestre delle camere. La biografia Il Martello degli Dei del 1985, la cui fonte principale è il manager della band Richard Cole, descrive una scena avvenuta in una delle stanze: “Una giovane groupie dai capelli rossi è stata spogliata e legata al letto”, scrive Stephen Davis, “e i Led Zeppelin le hanno infilato pezzi di squalo nella vagina e nel retto”.

La verità
Secondo un’altra versione, è Cole il colpevole dell’incidente con lo squalo. Anche la band Vanilla Fudge si è presa la responsabilità. Il batterista Carmine Appice dice che la ragazza in questione era una groupie che seguiva lui, e che il tastierista Mark Stein ha filmato l’intera scena. I Led Zeppelin sono in hotel, ma nella stanza c’è solo John Bonham. Da qualche parte oggi c’è una donna di circa 60 anni che potrebbe confermare o smentire la storia, ma è abbastanza improbabile che lo faccia.

Il titolo del quarto album degli Zeppelin è “Zoso”

Il retroscena
I primi tre album hanno titoli semplici e ragionati: Led Zeppelin I, II e III. Nel novembre 1971, quando arriva il momento di scegliere quello del quarto disco, la band va oltre e si rifiuta di stampare anche una sola parola sulla copertina, nemmeno il loro nome. A quanto pare sperano di mandare in confusione l’odiata stampa musicale. «Dopo tutto quello che avevamo fatto, continuavano a dire che eravamo solo un gruppo di moda», dichiara Page, «ecco perché il quarto album non ha un titolo». Ovviamente questa mossa crea una certa confusione, e fa infuriare la Atlantic Records. La band mette inoltre sulla copertina quattro simboli, uno per ogni membro della band. Quello di Page a quanto pare si pronuncia “Zoso”.

La verità
Page ha insistito nel dire che i simboli non sono nemmeno lettere, ma questo non ha impedito a tutti di chiamare questo album “Zoso”. Tecnicamente però è un disco senza titolo.

Il titolo D’Yer Mak’er nasce da una vecchia battuta cockney sulla Giamaica

Il retroscena
Molti fan pensano che il titolo di questo pezzo da Houses of the Holy si pronunci Dire Maker, invece va pronunciato come il nome del Paese caraibico.

La verità
Plant ha confermato che D’yer Mak’er viene da un vecchia battuta un po’ grossolana tipica dei comici londinesi, che fa più o meno così:“Mia moglie va in vacanza”. “D’yer mak’er (che è lo spelling di Jamaica, ma pronunciato velocemente sembra una cosa tipo: “Sei stato tu a organizzare?”).“No, ha deciso da sola”. L’allusione alla Giamaica è comunque appropriata per questo pezzo, che è la mossa reggae dei Led Zeppelin.

Il vecchio eremita nella copertina di Led Zeppelin IV è un personaggio de Il Signore degli Anelli

Il retroscena
Tutti sanno che i Led Zeppelin amavano la saghe de Il Signore degli Anelli. Nel testo di Ramble On del 1969 citano persino due personaggi, Mordor e Gollum. Quindi quando una misteriosa figura incappucciata che regge una lanterna con la mano e sembra uscita direttamente dalla Terra di Mezzo appare nell’interno di copertina del quarto album dei Led Zeppelin, molti fan pensano che sia presa da uno dei libri di J.R.R. Tolkien.

La verità
“L’eremita” è ispirato a una figura dei Tarocchi. Nel 1976 Page interpreta anche il ruolo dell’eremita in una scena fantasy del film dei Led Zeppelin The Song Remains the Same.

Leggi anche: