Rolling Stone Italia

The Night Skinny spinge il futuro nel suo nuovo “Pezzi”

Guè Pequeno, Rkomi, Izi, Tedua, Noyz Narcos, Mecna e mille altri rapper nel nuovo capolavoro del beatmaker barbuto, in uscita domani, 8 dicembre

«Quando ero piccolo facevo le compilation su musicassette, a cui poi davo dei nomi tipo “Pezzi hip hop 96″» racconta Luca Pace aka The Night Skinny stravaccato su una poltrona bianca. «Alla fine sono solo pezzi, quindi per il nuovo disco mi sono limitato a chiamarli per quello che sono».

E forse Pezzi non soltanto è il disco più maturo del producer e DJ molisano (ormai è un milanese fatto e finito) ma anche la sua opera più ambiziosa, strutturata. 16 tracce, o meglio pezzi, su cui srotolano barre altrettanti MC. Alcuni amici, altri collaboratori, altri ancora artisti che secondo Luca andrebbero spinti di più in Italia. È il caso dei brits Paigey Cakey e 67, sinistri e minacciosi negli inni grime che chiudono il disco, On Tour e On My Case.

Il resto è uno sfoggio di forze e amicizie da parte di Luca, che si è tolto più di uno sfizio mettendo Guè Pequeno e Rkomi al lavoro insieme (Pezzi), Luché a recitare la parte del bluesman in Al Mio Fianco o Lazza con una lama al posto della lingua nell’avanguardistica Houdini.

Inevitabile però non pensare alle buste e in genere agli stupefacenti quando si parla di “pezzi”. Skinny questo lo sa e non ne ha fatto un mistero, avendo da sempre cercato di raccontare il lato crudo della strada. Senza filtri, sul bundle della copia fisica appaiono in caratteri quasi gotici i nomi di varie droghe, che poi ritornano nella fanzine di scatti firmata da Boogie, fotografo ormai affermatissimo nell’ambiente artsy. Un lavoro curatissimo, nelle produzioni e nella ricerca dei suoni che nella parte grafica, affidata alle mani di Giorgio Di Salvo e Corrado Grilli aka Mecna.

Pezzi arriva bello sparato domani, 8 dicembre. Un piccolo scrigno di capolavori (Mecna oltre che partecipare musicalmente ha anche creato una copertina per ognuno dei 16 pezzi) che forse vuole fare anche una pernacchia a chi ha già compilato da tre settimane le sontuose liste dei migliori dischi dell’anno.