La Metralli: “Cantico dei viaggiatori”

La copertina dell'ultimo album della formazione modenese si espande e si anima grazie ai "cartoni" di Sara Garagnani. E non solo...

Il progetto modenese La Metralli (Meike Clarelli, Matteo Colombini, Serena Fasulo, Marcella Menozzi, Davide Fasulo, Cesare Martinelli) presenta il video per l’ultimo singolo Cantico dei viaggiatori, un bell’esempio di animazione a basso budget che però è un trionfo di creatività: dirige e disegna Sara Garagnani, già responsabile per il booklet di Qualche grammo di gravità, secondo album de La Metralli uscito a ottobre scorso – il video è in senso stretto una “espansione” dell’artwork dell’album. L’animazione, l’editing delle stesse e la motion graphics sono state curate da Riccardo Mari mentre invece è stata la chitarrista della formazione Marcella Menozzi a occuparsi dei brevi inserti non disegnati.

Qualche grammo di gravità è il secondo album de La Metralli uscito a ottobre scorso conta 15 tracce, tre delle quali erano presenti in una loro prima versione nell’Ep uscito a novembre 2012, in concomitanza con la vittoria del Premio Ciampi 2012, e si caratterizza per un approccio decisamente insolito alla registrazione: fra gli episodi, Meridies, cantato – ma senza testo – in un tubo di 25 metri. E va raccontato almento che il disco è stato interamente registrato a 432Hz, la frequenza dell’accordatura naturale, scegliendo di non utilizzare la frequenza di riferimento imposta per convenzione il secolo scorso e generalmente utilizzata a 440Hz (frequenza del La del diapason a 440Hz) che è quindi più accelerata rispetto alla naturale predisposizione dell’essere umano. Secondo molti amanti della musica, l’accordo e il brano a 432 Hz risulta più bello per l’udito, è più morbido, più luminoso: più naturale per l’il corpo dell’uomo.