In Canada i Nickelback diventeranno la punizione per chi guida ubriaco

La polizia di Kensington, nell'invito a non esagerare nelle festività, ha comunicato che punirà i trasgressori con l'ascolto forzato della band di Chad Kroeger, e c'è già qualcuno che ha suggerito di inasprire la pena usando Justin Bieber

La polizia canadese ha escogitato un nuovo metodo per combattere chi si mette alla guida sotto l’effetto dell’alcol, annunciando che punirà i trasgressori con l’ascolto forzato delle canzoni dei Nickelback.

L’idea è del Kensington Police Service, della provincia dell’Isola Principe Edoardo, che il weekend appena trascorso tramite Facebook ha comunicato del nuovo metodo di punizione : «Se sei abbastanza pazzo per metterti al volante dopo aver guidato – recita il comunicato – un po’ di Chad Kroeger e i suoi ragazzi è il regalo perfetto per te».

Kensington Police Drinking and Driving Gift. Christmas Bonus Edition

So, the Holiday Season is upon us and that means…

Pubblicato da Kensington Police Service su Sabato 26 novembre 2016

La band, molto popolare tra la fine degli anni ’90 e i primi anni duemila, è spesso oggetto di burle e meme, tanto che il dipartimento di polizia di Kensigton ha pensato proprio al suo biondissimo cantante per l’annuale invito a non esagerare durante le feste. Come riportato dalla BBC, un utente Facebook, evidentemente preoccupato, in un commento ha chiesto se castigare i trasgressori con dosi della musica di Kroeger e soci, somministrate a forza e contro la volontà del malcapitato, non costituisca una tortura contraria alla Convention di Ginevra del 1949.

Fortunatamente, nel post su Facebook, il dipartimento ha invitato i cittadini a rispettare la legge per non costringere gli agenti ad aprire la confezione della cassetta perfettamente conservata di Silver Side Up, album sfornato dai Nickelback l’11 settembre 2001 e che, nonostante la tempistica decisamente sfortunata, ha fruttato alla band 6 dischi di platino negli Stati Uniti e ben 8 in Canada.

Come prevedibile, il post ha fatto molto discutere, tra chi inveiva contro i canali social del dipartimento di polizia, perché rei di perdere tempo con argomenti frivoli come questo, e chi, invece, difendeva a spada tratta i Nickelback suggerendo agli agenti di utilizzare metodi più efficaci come l’ascolto forzato delle note di Justin Bieber, reputato una minaccia molto più convincente per chi sfida la sorte mettendosi alla guida dopo una paio di bicchieri di troppo.