Il figlio di Roy Orbison ha comprato i diritti di “The Beatle Who Vanished”

Il biopic racconterà la storia di Jimmie Nicol, batterista che sostituì Ringo Starr per 13 giorni nel world tour del 1964

Alex Orbison, figlio di Roy, ha acquisito i diritti per il rendere un film The Beatle Who Vanished, libro su Jimmie Nicol, batterista che entrò brevemente a far parte della storia dei Beatles sostituendo Ringo Starr che si ammalò durante il tour del 1964.

Il giorno prima della partenza del tour mondiale dei Fab4, Ringo finì in ospedale per una forte tonsillite/faringite. Non avendo altre soluzioni, George Martin consigliò ai Beatles di arruolare il 24enne Nicol, che aveva suonato in un disco di cover dei Beatles e conosceva già i brani.

L’avventura di Nicol con la band durò solo 13 giorni, per un totale di 10 concerti e una apparizione TV, prima che Ringo raggiungesse gli altri in Australia. Il manager dei Beatles lo pagò con un assegno da 500 dollari e la seguente dedica: «From The Beatles and Brian Epstein to Jimmy – with appreciation and gratitude», prima di riaccompagnarlo all’aeroporto.

Sfruttando il successo ottenuto in quel periodo e il soprannome che gli fu dato (quinto Beatle), Nicol continuò a suonare, senza mai raggiungere neanche lontanamente il successo di quei 13 giorni incredibili. Dopo il suo trasferimento in Messico a fine anni ’60 non si hanno più molte notizie su quella che è stata la sua vita, si sa solo che ora dovrebbe vivere a Londra. La seconda edizione del libro, che uscirà prossimamente, conterrà ulteriori aggiornamenti sulla sua vita.

Altre notizie su: ,