Cosa c’è nel futuro dei Guns N’ Roses?

Registreranno un nuovo album? Torneranno a suonare con Izzy Stradlin e Steven Adler? Oppure si scioglieranno? Ecco le nostre ipotesi
Guns N' Roses sul palco di Imola. Foto di Giuseppe Craca

Guns N' Roses sul palco di Imola. Foto di Giuseppe Craca


I Guns N’ Roses suoneranno l’ultima data della leg americana del Not in This Lifetime Tour nella loro Los Angeles. I concerti riprenderanno a giugno, sei settimane di festival e stadi europei, ma quello che succederà dopo non è chiaro a nessuno. Contando le date europee (che finiranno a 2018 inoltrato), i Guns sono in tour da due anni e tre mesi: si sono esibiti ovunque, da Las Vegas a Osaka, da Dubai a Tel Aviv, e ci sono riusciti senza mostrare neanche un briciolo di tensione interna, suonando sempre puntuali e senza proteste o casini di nessun tipo. Cosa succederà adesso? Ecco le nostre ipotesi:

Continueranno a suonare dal vivo
Il pubblico non si lamenterà mai di fronte all’occasione di rivedere Axl, Slash e Duff mentre suonano i classici che li hanno resi una band gigantesca. Negli ultimi due anni i fan hanno speso quasi mezzo miliardo di dollari e siamo sicuri che ne spenderebbero volentieri altrettanti. E, se i Guns fossero dell’idea, non c’è motivo per cui non dovrebbero continuare a suonare dal vivo per altri tre o quattro anni. Certo, non potrebbero più fare tre concerti di fila in uno stesso stadio, ma questo non significa che debbano smettere.

Mettere le tende a Las Vegas
L’ultima “versione” dei Guns ha suonato il suo ultimo concerto a Las Vegas: con Slash nuovamente sul palco, la band potrebbe osare il Colosseo del Caesar’s Palace, spodestando Elton John e Celine Dion. Potrebbero piazzarsi lì fino alla fine dei tempi, senza mai cambiare la scaletta, vendendo migliaia di biglietti ogni sera. Una mossa del genere sarebbe sembrata follia nel 1988, ma ora viviamo in un mondo assurdo e non ci sarebbe davvero niente di strano.

Registrare un nuovo album
Sembra assurdo, ma la maggior parte delle band ha questa fissa di scrivere nuove canzoni, registrarle e portarle in tour. I Guns N’ Roses hanno avuto un po’ di difficoltà, almeno senza l’aiuto di Slash e Duff: negli ultimi 26 anni è uscito solo un disco del gruppo, e produrlo è stata una delle imprese più costose (e faticose) della storia del rock. Non ci sono molti indizi sul futuro discografico di Axl Rose e soci, e non siamo sicuri che la band sia capace, oggi come oggi, di sopportare lo stress e i compromessi infiniti che vanno di pari passo con la creazione di nuova musica. Se dovessero farcela, però, tornerebbero a essere una band “normale”, che fa i suoi dischi e li porta sui palchi di tutto il mondo.

Una “vera” reunion
Il Not in This Lifetime Tour è stato pubblicizzato come la reunion dei Guns N’ Roses, ma non è proprio così. Duff McKagan ha suonato qualche concerto con la band nel 2014, e se vogliamo farla breve in questo tour c’è stato “solo” il ritorno di Slash al posto di Bumblefoot. Izzy Stradlin non si è mai nemmeno avvicinato al palco, e il vecchio batterista Steven Adler è tornato dietro il kit solo in alcune rare occasioni. Sarebbe bello rivederli tutti insieme, ma sul serio.

Smettere
Nessuno vuole che succeda, ma di sicuro Slash, Axl e Duff non hanno bisogno di suonare per mettere qualcosa nel piatto la sera. Se dovessero sciogliersi adesso, se ne andrebbero al massimo della forma. Insomma, cosa possono fare più di così? La voce di Axl non è male, ma tra poco più di quattro anni festeggerà il suo 60esimo compleanno. Forse questo tour è il loro canto del cigno.

Tornare ai tempi pre-reunion
Axl e Slash sembrano andare d’accordo sul palco, e ci sono addirittura video che li hanno “beccati” a chiacchierare backstage. Ma chi lo sa come stanno davvero le cose? Axl potrebbe benissimo tornare al passato: i diritti sul nome Guns N’ Roses sono suoi, e può farci più o meno tutto quello che vuole. Può scegliere un gruppo di sfigati, metterli sul palco con lui e questi diventerebbero i nuovi Guns N’ Roses. Slash tornerebbe con Myles Kennedy e il tour sarebbe solo un’eccezione. Certo, oggi come oggi è difficile da immaginare: il pubblico li ha visti di nuovo insieme e ha dimostrato quanto è disposto a pagare per far sì che le cose restino così come sono. Che gli piaccia o no, Axl e Slash sembrano destinati a suonare insieme per sempre.

Leggi anche: