Addio a Malcolm Young, chitarrista e co-fondatore degli AC/DC

La leggendaria band hard rock ha scritto sul suo sito: "Ci lascia una grandissima eredità che vivrà per sempre. Malcolm, ben fatto".

Gli AC/DC hanno confermato la morte del chitarrista e co-fondatore Malcolm Young, che è mancato all’età di 64 anni.

Originario di Glasgow, Young ha fondato la leggendaria band hard rock con il fratello Angus nel 1973. Nel 2014 si era ritirato permanentemente a causa di un principio di demenza.

Confermando la notizia sul sito gli AC/DC hanno scritto:
“Oggi con il cuore pesante di tristezza gli AC/DC devono annunciare la scomparsa di Malcolm Young. Malcolm, insieme ad Angus era il fondatore e creatore del gruppo. Con la sua enorme dedizione ed il suo impegno era la forza che guidava la band. Come chitarrista, scrittore e visionario, era un perfezionista e un uomo unico. Diceva e faceva sempre quello che voleva. Era sempre molto orgoglioso di tutti i suoi lavori. La sua lealtà ai fan era senza precedenti”.

Angus Young ha aggiunto: “Essendo suo fratello è molto difficile esprimere a parole cosa significasse per me. Il legame che avevamo era unico e molto speciale. Ci lascia una grandissima eredità che vivrà per sempre. Malcolm, ben fatto”. La band ha anche fatto sapere che Malcom se n’è andato serenamente con i proprio cari al suo fianco.

In ottobre, gli Young avevano perso, all’età di 70 anni, il fratello più vecchio George, chitarrista degli Easybeats e da sempre produttore degli AC/DC.

Come chitarrista per il gruppo, Malcolm era un indispensabile supporto per i riff del fratello Angus che riempivano le arene. Dopo aver formato la band nel 1973, i fratelli Young sono stati accreditati come co-autori di tutti i brani degli AC/DC dal 1975 con il loro debutto High Voltage fino al 2014 con Rock or Bust. Questo album è stato il primo senza Malcom, che ha annunciato il suo ritiro nel settembre di quell’anno.

“Ovviamente Malcolm ci manca” aveva detto il cantante Brian Johnson a luglio “è un lottatore. Ora si trova in ospedale ma è un lottatore. Teniamo le dita incrociate nella speranza che si rimetta in sesto. Suo nipote Stevie è magnifico, ma quando registri le canzoni con questo peso sul cuore, sapendo che il tuo amico non sta bene, è difficile. Ma sono sicuro che lui sta facendo il tifo per noi”.

Il chitarrista si era esibito live l’ultima volta con gli AC/DC nel tour Black Ice del 2008, che si era concluso nel 2010 a Bilbao, in Spagna.

Durante tutta la carriera del AC/DC Malcolm e Angus sono stati la principale forza creativa del gruppo, creando inconfondibili riff, che hanno reso la band una delle più grandi di sempre. Insieme i fratelli hanno scritto hit come Back in Black, Hells Bells, Highway to Hell, Thunderstruck, For Those About to Rock (We Salute You),You Shook Me All Night Long.

Nonostante questo, la vita di Malcolm non è stata senza conflitti: beveva e ha lasciato brevemente la band nel 1988 per andare in riabilitazione. Dopo alcuni mesi è tornato e da allora è sempre rimasto sobrio.

I fratelli Young e gli AC/DC sono stati inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2003. Quando Rolling Stone nel 2008 ha chiesto loro: “Chi gestisce gli AC/DC?”, Malcolm ha risposto “Entrambi. Perché c’eravamo fin dall’inizio”.

Intanto arrivano le reazione dal mondo della musica: da Dave Mustaine dei Megadeth a Eddie Van Halen fino a Ozzy Osbourne, Slash e Dave Grohl.

Leggi anche: