LIFE > CULTURA

Sean Penn intervista El Chapo in esclusiva per Rolling Stone USA

A ottobre 2015 l'attore ha incontrato in una foresta messicana il narcotrafficante più ricercato al mondo, arrestato l'8 gennaio 2016

Il 2 ottobre 2015, dopo mesi di trattative, mail criptate e cellulari cambiati continuamente, Sean Penn ha incontrato in una foresta in Messico “il fuggitivo più ricercato al mondo”, il narcotrafficante El Chapo, per un’intervista esclusiva su Rolling Stone USA.

Joaquín Guzmán Loera, detto El Chapo, è uno dei più importanti narcotrafficanti sudamericani dai tempi di Pablo Escobar, capo del cartello messicano di Sinaloa. Dagli anni ’90 il suo gruppo si è distinto per gli agguati sanguinosi contro le altre organizzazioni, e gli arresti non hanno fatto altro che accrescere la sua forza. Da luglio 2015 El Chapo era latitante dopo essere fuggito dal carcere (per la seconda volta, la prima evasione è stata nel 2001), e l’8 gennaio 2016 è stato nuovamente arrestato.

L’incontro con Penn è stato possibile grazie all’aiuto di Kate del Castillo, una delle attrici più famose in Messico, che nel 2012 aveva lasciato alcuni messaggi molto discussi su Twitter in cui dichiarava di fidarsi più di El Chapo che del Governo messicano, chiedendo al narcotrafficante di iniziare a “trafficare amore”.

Nel racconto del rocambolesco viaggio di Sean Penn, l’attore spiega passo per passo come è riuscito attraverso l’aiuto di Del Castillo e a una seria di comunicazioni criptate (“Uno spettacolo terribile per l’uomo più tecnologicamente illetterato al mondo. A 55 anni non ho mai imparato a usare un laptop”) a incontrare El Chapo a una cena buffet in mezzo alla foresta messicana a cui il narcos lo accoglie con “un abbraccio ‘compadre’ e un messaggio di benvenuto in spagnolo troppo veloce per le mie orecchie.”

Sean Penn racconta di un El Chapo sempre sorridente, poco incline a parlare di politica nazionale, interessato agli investimenti nelle energie rinnovabili – che però non può portare avanti vista la fonte illecita dei suoi guadagni – e a Hollywood. Pare sia stato proprio l’interesse ad avere un film sulla sua vita ad aver aperto una pista alla cattura di El Chapo, compresa questa intervista e i contatti del trafficante con l’attrice Del Castillo.

Il narcos ha dichiarato a Penn: “Fornisco più eroina, metanfetamine, cocaina e marijuana di chiunque altro al mondo. Ho una flotta di sottomarini, aeroplani, camion e navi.” E continuando con una retorica impenitente, alla domanda su qual sia il Paese con cui è più difficile trattare, El Chapo risponde fiero, “Nessuno”. Racconta anche di aver incontrato una volta Escobar nella sua grande casa.

Pochi giorni dopo l’incontro, l’intervista formale viene annullata e sostituita da un video in cui El Chapo da una location segreta risponde alle domande inviate via messaggio da Penn.


Il video dell’intervista esclusiva di Rolling Stone USA a El Chapo

Nella video-intervista El Chapo racconta la sua infanzia in una delle regioni più povere del Messico, di essere entrato nel business della droga a 15 anni perché era l’unico modo per avere i soldi per mangiare, e sottolinea che ancora oggi le droghe sono l’unico mezzo di sostentamento per molte persone. El Chapo si descrive come una persona non violenta, che pensa solo a difendersi, descrive il business come “senza fine” perché sempre più persone sono coinvolte e dice di non sentirsi in colpa per le persone morte o rovinate dalla droga.

È notizia di oggi che Sean Penn è indagato dalle autorità messicane per riciclaggio di denaro, insieme all’attrice Kate del Castillo.

Altre notizie su:

COMMENTA

comments powered by Disqus