Ridley Scott rompe il silenzio su Kevin Spacey

Il regista parla per la prima volta a 'Entertainment Weekly' della decisione di sostituire l'attore con Christopher Plummer in 'Tutti i soldi del mondo'

Dopo lo scandalo che ha coinvolto Kevin Spacey, Ridley Scott ha deciso di girare nuovamente le scene di Tutti i soldi del mondo in cui compariva l’attore premio Oscar. Un segnale forte e chiaro lanciato a Hollywood e non solo.

Quindi, mentre tutti dicevano che non sarebbe riuscito a rispettare la data di uscita americana (fissata per il 22 dicembre), ha sfidato se stesso e richiamato la crew e gli attori, tra i quali Michelle Williams e Mark Wahlberg, riportandoli sul set dal 20 novembre fino ad oggi, che negli USA è la settimana del Thanksgiving. Ma nessuno ha osato lamentarsi.

E ora Scott, intervistato da Entertainment Weekly, dice finalmente la sua sull’affaire Spacey e la sua decisione: «Non c’era tempo per riflettere. A volte devi stabilire delle regole. Semplicemente devi!».

Il regista racconta che quando ha sentito della accuse all’attore si trovava negli studi di Abbey Road per finalizzare la musica del film: «Mi sono seduto e ho realizzato che non possiamo. Non possiamo tollerare nessun comportamento del genere. Un comportamento che in qualche modo avrebbe interessato anche il film. Non possiamo permettere che le azioni di un uomo colpiscano il lavoro di tutte queste persone».

Afferma anche però di essere stato molto soddisfatto dell’interpretazione di Spacey: «Ha grande talento e ho lavorato bene con lui, Non ne avevo idea».

Sulla domanda se lo avesse sentito telefonicamente per comunicare la sua decisione risponde: «No, e nemmeno lui ha chiamato me. Se mi avesse telefonato per dirmi “Guarda, le cose stanno così e mi dispiace”, forse avrei gestito la situazione in maniera leggermente differente», ma afferma anche che comunque lo avrebbe rimpiazzato. Le nuove scene sono state girate con Christopher Plummer nei panni di John Paul Getty.

Ridley Scott spiega anche che gli studios alla notizia del reshooting gli hanno detto che non ce l’avrebbe mai fatta, ma non hanno nemmeno spostato la data di uscita della pellicola, e racconta che deve ancora sistemare un paio di questione tecniche ma che «ormai è fatta. Dal 20 novembre ho girato di giorno e lavorato con la montatrice di notte. Con il digitale tutto quello che ho girato è già nel final cut praticamente da ieri mattina».

Leggi anche: