John Lasseter prende una pausa di sei mesi e si scusa per “abbracci non graditi”

Il capo dei mitici studios di animazione Disney-Pixar ha scritto una lettera al suo staff, dopo essere stato accusato da alcune dipendenti di comportamenti inappropriati

John Lasseter, capo della Disney-Pixar e uno dei nomi più influenti dell’entertainment, ha ammesso di aver superato il limite con alcune dipendenti e ha annunciato che si prenderà una pausa di sei mesi dal suo incarico agli studios.

Lasseter è la figura più importante del mondo dell’animazione ed è stato la forza dietro alcuni dei cartoon più amati degli ultimi 20 anni. Come co-fondatore della Pixar ha guidato lo sviluppo dell’animazione digitale, mentre creava successi come Toy Story, Cars e Wall-E. In luglio aveva annunciato che avrebbe ceduto la regia di Toy Story 4 a Josh Cooley.

Come riporta Variety, Lasseter da diversi anni era oggetto di voci interne a causa dei suoi comportamenti inappropriati. Ma, dopo lo scoppio della scandalo Weinstein, diverse dipendenti hanno raccontato di atteggiamenti irrispettosi, abbracci non graditi e invasioni dello spazio personale.

Lasseter ha scritto allo staff ieri per scusarsi e spiegare le ragioni della sua decisione. Ecco il suo comunicato:

“Ho sempre voluto che i nostri studios fossero un luogo dove i creativi potessero esplorare la loro visione, con il supporto e la collaborazione di animatori e storyteller dotati. Questo tipo di cultura creativa necessita una costante attenzione per essere mantenuta. È costruita sulla fiducia e sul rispetto, e diventa fragile se qualche membro del team non si sente valorizzato. In qualità di leader, è mia responsabilità garantire che ciò che non accada. E ora credo di non essere stato all’altezza di questo compito.

Recentemente ho avuto una serie di conversazioni difficili che sono state molto dolorose per me. Non è mai facile affrontare i propri errori, ma è l’unico modo per trarne una lezione. Come risultato, ho pensato molto al leader che sono oggi paragonato al mentore e sostenitore che voglio essere. È stato portato alla mia attenzione che ho mancato di rispetto e ho messo qualcuna di voi a disagio. Non è mai stata mia intenzione. Voi, tutti insieme, siete il mondo per me e mi scuso profondamente se vi ho deluso. Voglio scusarmi soprattutto con chiunque abbia mai sentito di aver ricevuto un abbraccio non voluto o qualsiasi altro gesto che ha ritenuto superasse un confine, in ogni modo o forma. Non importa quanto le mie intenzioni fosse buone, tutti hanno il diritto di stabilire i propri confini e che questi confini siano rispettati.

Con la Disney, siamo uniti nell’impegno di affrontare ogni preoccupazione che abbiate con la serietà che merita e gestirla in modo appropriato. Condividiamo anche il desiderio di rinforzare la cultura vibrante e di rispetto che è sempre stata alla base del successo dei nostri studios fin dall’inizio. Siamo d’accordo che il primo passo in questa direzione sia che io mi prenda del tempo per riflettere su come andare avanti. Per quanto sia dura per me fare allontanarmi dal lavoro che amo e da un team che rispetto così tanto, non solo in quanto artisti, ma come persone, so che è la cosa giusta da fare per tutti. Spero che questi sei mesi sabbatici mi daranno l’opportunità di iniziare a prendermi più cura di me stesso, di ricaricarmi e trovare l’ispirazione, e alla fine tornare con l’idea e la prospettiva che mi serve per essere il leader che vi meritate. Sono immensamente fiero di questa squadra e so che continuerete a stupire il mondo anche in mia assenza. Vi auguro delle splendide festività e non vedo l’ora di lavorare ancora insieme il prossimo anno”.

“Siamo impegnati a mantenere un ambiente in cui i dipendenti si sentano rispettati e incoraggiati a dare il meglio” ha dichiarato un portavoce della Disney “Apprezziamo il candore di John e le sue scuse sincere e supportiamo pienamente la sua decisione di prendersi sei mesi di pausa”.