‘Sono Tornato’, l’Italia è un Paese fascista?

Il regista Luca Miniero e i protagonisti Frank Matano e Massimo Popolizio, che nella commedia sul ritorno di Mussolini interpreta proprio il Duce, sono passati a trovarci in redazione. E ne abbiamo approfittato per coinvolgerli in un'intervista doppia. Anzi, tripla.

Benito Mussolini viene catapultato nel 2017, da piazzale Loreto a Milano, direttamente a piazza Vittorio, Roma, in un’Italia che è cambiata. Ma forse nemmeno troppo: “Vi ho lasciato che eravate un popolo di analfabeti. Vi ritrovo 80 anni dopo che siete ancora un popolo di analfabeti” afferma il Duce in Sono tornato, la commedia diretta da Luca Miniero e scritta con Nicola Guaglianone, che si domanda cosa succederebbe se Mussolini riapparisse e decidesse di riconquistare il potere.

Abbiamo intervistato Massimo Popolizio, che per il film è riuscito a diventare “più Mussolini di Mussolini”, insieme a Frank Matano (alias il giornalista e videomaker Andrea Canaletti) e al regista. Il lungometraggio ha anche una parte documentaristica: Popolizio e Matano sono andati tra le persone e la telecamera ha ripreso reazioni e sì, anche tanti saluti romani. I protagonisti ci hanno raccontato scene divertenti e assurde, ma soprattutto hanno risposto a una domanda: l’Italia è un Paese fascista?

Leggi anche: