CINEMA + TV / Interviste

Il cast di Classe Z: «Raccontiamo la generazione sola dei selfie»

Attraverso lo sguardo leggero della commedia, "Classe Z" racconta delle nuove generazioni isolate sul web, a cui il mondo degli adulti sembra aver voltato le spalle

In occasione dell’uscita nelle sale cinematografiche, sono passati a trovarci in redazione Guido Chiesa, Andrea Pisani, Roberto Lipari, Enrico Oetiker e Alice Pagani, ovvero regista e cast di Classe Z, pellicola generazionale che racconta della scuola con uno sguardo diverso.

Nel film viene raccontata, infatti, l’epoca “dei ragazzi individualizzati”, racconta il regista Guido Chiesa: «Sono connessi da reti molto forti, come internet e i social network, ma sono reti virtuali, disincarnate, e fanno grande fatica a parlarsi fra di loro». Attraverso lo sguardo leggero della commedia, il regista ha voluto raccontare di una classe ‘problematica’, lasciata a se stessa da un mondo, quello degli adulti, che con i ragazzi non riesce più a comunicare. Sarà un professore, interpretato da Andrea Pisani, a diventare l’anello di congiunzione tra i ragazzi e chi gli ha voltato le spalle, ma a riscattarsi non sarà solo la Classe Z, ma anche chi sta dietro la cattedra.

Con i ragazzi del cast abbiamo parlato del film, uscito nei cinema il 30 marzo, ma non solo. Andrea e Roberto ci hanno raccontato della scuola di oggi e di come è cambiata dalla loro maturità, mentre Enrico e Alice di come è stato lavorare insieme a un casto così variopinto, tra attori navigati come Alessandro Preziosi o Youtuber come Greta Menchi. Non potevamo non chiedere a tutti, infine, quel’è stata la colonna sonora della loro maturità e non c’è solo Antonello Venditti…

Altre notizie su: